Ibra, manca un giallo. Samp, giusto annullare il gol di Torregrossa

Ci stava l’ammonizione per Zlatan: colpo a Luperto a palla lontana, ma non è condotta violenta. Positivo il debutto di Santoro in Udinese-Verona

La moviola delle partite domenicali della ventunesima giornata di serie A:

BENEVENTO-SAMPDORIA (Aureliano)

—  

Nessun problema per l’arbitro, partita che scorre nei binari della correttezza. Giusto al 22’ annullare per fuorigioco il gol di Torregrossa: sul tocco di Jankto l’attaccante della Samp è in fuorigioco, ben rilevato dall’assistente Perrotti e confermato dal Var. Buona anche la gestione dei cartellini. Nel primo tempo ben 3 giocatori del Benevento (Tuia, Improta e Depaoli) vengono sanzionati per falli su ripartenze di Keita e in tutti e 3 i casi il provvedimento è corretto, così come quelli per Silva, Tonelli e Ionita. In quest’ultima occasione c’è un impatto del gomito del centrocampista giallorosso sul volto di Thorsby, ma non è un gesto violento e il giallo è adeguato.

MILAN-CROTONE (Pairetto)

—  

Tutto tranquillo anche per Pairetto. Al 6’, gol annullato a Calabria dopo uno splendido assist di Leao: in precedenza, c’è il fuorigioco di Ibrahimovic che serve il portoghese. Per il resto, il fischietto di Nichelino governa la gara in assoluta sicurezza: corretti i cartellini gialli a Saelemaekers, Rispoli, Romagnoli e Calabria, con quest’ultimo che quasi cerca la sanzione per smaltire la squalifica al prossimo turno contro lo Spezia e non mettere in pericolo il derby con l’Inter della giornata successiva. Manca forse un giallo a Ibrahimovic per un colpo a Luperto a palla lontana: non è comunque condotta violenta e anche il difensore del Crotone alza un po’ il gomito.

UDINESE-VERONA (Santoro)

—  

Positivo il debutto in Serie A per Santoro. L’arbitro di Messina parte con cinque ammonizioni in meno di 40’, ma non sbaglia: Tameze (fallo su Samir), Dawidowicz (strattona Deulofeu), Llorente ( entrata dura su Zaccagni), Arslan (ferma un’azione potenzialmente pericolosa) e Zaccagni (intervento su Llorente) meritano la sanzione. Santoro, invece, non vede al 39’ una spinta vistosa di Zaccagni ad Arslan: c’è la punizione a favore dell’Udinese. Si tratta, però, dell’unico fischio mancante in una direzione sempre precisa. Giusto anche il giallo a Faraoni nel finale (86’) per un’entrata troppo decisa su Stryger Larsen.

PARMA-BOLOGNA (Guida)

—  

Non è una partita difficile, forse anche per i due gol in 33’ dei rossoblù, e il direttore di gara è sempre attento e al posto giusto. Le situazioni dubbie sono pochissime, due gli ammoniti per il Parma e uno per il Bologna: sanzioni giuste.

LAZIO-CAGLIARI (Irrati)

—  

Qualche piccola imprecisione dell’arbitro, ma nessun episodio di rilievo. L’arbitro di Pistoia inverte un fallo di mani nel primo tempo: la palla colpisce prima il braccio di Lykogiannis e poi quello di Lazzari, ma viene fischiata punizione in favore dei sardi. Un po’ severa l’ammonizione a Nandez, corrette le altre.

Precedente Pirlo e Conte con le carte migliori. Ma l'asso ce l'ha Pioli: è il gioco Successivo Dzeko, patto con la Roma: cosa accadrà a fine stagione

Lascia un commento