Non c’è solo Insigne: supermercato Napoli tra rinnovi, cessioni e colpi

All’ombra del Vesuvio si guarda a gennaio: la priorità resta il prolungamento del capitano, sempre più conteso dalle big europee (e non solo). In entrata il tecnico aspetta Vecino e un ricambio sulle fasce

Il Napoli che verrà potrebbe cambiare faccia attraverso lo specchio del mercato. Una situazione connessa più ai contratti in scadenza che alle strette necessità di potenziare una squadra che domina la classifica dal via del campionato. Il crocevia delle strategie si identifica nel contratto di Lorenzo Insigne: rinnovo o addio a giugno? Un rebus che si trascina da tempo tra ragione e sentimento.

Precedente Milan-Ibra, un altro anno insieme: incontro con Raiola positivo, la formula a inizio anno Successivo Come riparte la Roma: condizione e Zaniolo in crescendo. Calendario amico. Ma ora tocca Mou

Lascia un commento