Mazraoui vola a Monaco per sposare il Bayern. Beffate Juventus e Napoli

Il terzino dell’Ajax, seguito anche da Juve e Napoli, ha effettuato le visite mediche ed è pronto a firmare un contratto da 8 milioni (lordi) l’anno per le prossime 5 stagioni

Primo addio, primo acquisto. Il Bayern Monaco a fine stagione perderà a parametro zero Niklas Süle (andrà al Borussia Dortmund), ma ha trovato anche il sostituto: il prossimo 30 giugno si svincolerà dall’Ajax Noussair Mazraoui, terzino destro di 24 anni che piaceva anche a Napoli e Juventus. Il nazionale marocchino però non arriverà in Italia: nelle ultime ore è sbarcato a Monaco per firmare il contratto con il Bayern Monaco che è pronto a garantirgli 8 milioni (lordi) all’anno per le prossime 5 stagioni.

IL PIANO

—  

In queste ore Mazraoui ha effettuato le visite mediche con il Bayern Monaco. Il club tedesco, seguendo le indicazioni di Nagelsmann, ha intenzione di sostituire Süle spostando Pavard al centro e puntando su Mazraoui sulla destra. Dall’Ajax inoltre potrebbero arrivare anche Ryan Gravenberch a centrocampo e Sebastien Haller (ma solo se dovesse partire Lewandowski) in attacco. In settimana verrà annunciato però l’acquisto di Mazraoui, che fra l’altro ha alle spalle una storia particolare: a 16 anni Noussair faceva fatica a giocare nelle giovanili dell’Ajax e pensava di lasciare il calcio per studiare legge e diventare avvocato. “A volte giocavo, altre no. Ho visto ragazzi mollare dopo un paio di mesi. Mi sentivo escluso, messo da parte, facevo avanti e indietro da casa con mio padre e pensavo ‘mah, che faccio?’. Mi chiedevo se fosse giusto continuare o meno”. Alla fine ha puntato sulla carriera da calciatore ed è riuscito a sfondare. Negli ultimi mesi lo stavano tenendo d’occhio la Juventus (che pensava a lui come alternativa di Danilo) e il Napoli (piace tantissimo a Giuntoli). Il Bayern però è stato più veloce. E dopo il primo addio in casa bavarese c’è già anche il primo acquisto.

Precedente Origi e l'eredità di Elliott. Ma le mosse del Milan dipendono dai nuovi padroni Successivo Il rinnovo di Sarri, due big in uscita, il nodo Romagnoli: la nuova Lazio è ancora in altomare

Lascia un commento