Lazio, venerdì il primo volo con l’aereo biancoceleste: direzione Crotone

L’accordo con la Tayaranjet, compagnia con base in Bulgaria e proprietà siciliana, vale un anno. I voli per le trasferte costeranno sui 30 mila euro in Italia, tra i 40 e i 50 mila per l’estero

Venerdì pomeriggio la Lazio volerà a Crotone con un aereo “personalizzato”. Un Boeing 737/300 con livrea biancoceleste, con un’aquila stilizzata, simbolo del club, sulla coda. Un vettore che la società avrà a disposizione attraverso un contratto di comodato d’uso con la Tayaranjet, una compagnia con base in Bulgaria e proprietà siciliana. Non sarà utilizzato in modo esclusivo dalla Lazio: sarà infatti in volo anche per i collegamenti di linea da e per la Sicilia. Un’intesa con cui la Tayaranjet vuol lanciare la sua immagine sul mercato italiano, al di là delle difficoltà attuali nei trasporti per l’emergenza Covid.

L’operazione

—  

L’accordo stipulato dalla Lazio ha la durata di un anno. Per rifare il look esterno al velivolo in chiave biancoceleste la società di Lotito avrebbe sostenuto una spesa sui 150 mila euro, somma che sarà necessaria a fine accordo per riportate il Boeing alla sua veste originaria. Il contatto potrà essere eventualmente rinnovato di anno in anno: la prima volta automaticamente. I voli per le trasferte costeranno sui 30 mila euro in Italia, tra i 40 e i 50 mila quelli all’estero. Calcolando il numero globale di voli da poter sostenere in un anno il Boeing costerà alla Lazio circa 800 mila euro. Sono previsti 148 posti per i passeggeri a bordo del bimotore che ha effettuato il primo volo nel 1991. Due anni prima era uscito dagli stabilimenti di Renton per essere acquistato dalla Lufthansa che lo ha tenuto in servizio fino al 2016 quando la compagnia tedesca ha rinnovato la propria flotta (i Boeing serie “300” erano fuori produzione dal 1999). Nel 2018 il vettore (LZ-TYTR, secondo la registrazione attuale) è stato immatricolato dall’Automatic LCC, un’azienda americana che opera nel campo della compravendita di aeromobili d’occasione. Pochi mesi dopo è passato alla Tayaranajet che ora lo ha fornito alla Lazio. Tre giorni fa è stato presentato al presidente Claudio Lotito e alla dirigenza biancoceleste sulla pista di Ciampino. Venerdì ci sarà il suo primo volo timbrato Lazio, per la trasferta a Crotone. Lunedì 30 il debutto in Champions per il viaggio a Dortmund, in vista della gara col Borussia. I cieli europei per il velivolo nato nel 1989, passato – inutile dirlo – attraverso tutti i rigorosissimi controlli di sicurezza previsti, sono ben noti: ha concluso la sua prima vita, quella con la Lufthansa, con la livrea legata a Euro 2016.

Precedente Barcellona, Busquets: l'infortunio con la Spagna non è grave Successivo Pirlo e i problemi in mezzo: perché non dare un'altra chance a Khedira?

Lascia un commento