Lazio in apprensione: a breve gli esami di Immobile. E per Sarri è rebus in attacco

Nelle prossime ore l’attaccante si sottoporrà alla risonanza magnetica. Si teme uno stop di 20 giorni

Il fiato resta sospeso. La Lazio è in ansia per Ciro Immobile. Non ci sono infatti ancora novità sull’entità del suo infortunio. L’ematoma al polpaccio sinistro non si è ancora riassorbito, motivo per il quale è stata rinviata la risonanza magnetica (inizialmente prevista per ieri) con la quale lo staff medico avrà finalmente le idee chiare. La paura è che possa trattarsi di uno stiramento di primo grado, che lo terrebbe fermo per circa 20 giorni. Se così fosse salterebbe le sfide con Juventus e Napoli in campionato e quella con la Lokomotiv Mosca in Europa League. Ieri Immobile era all’Olimpico per la partita con la Svizzera: ha sofferto in tribuna con i compagni, deluso perché non ha potuto dare il proprio contributo. Ciro c’era quando l’Italia ha perso gli spareggi con la Svezia ed è rimasta esclusa dai Mondiali in Russia. Per questo, dopo i successi ottenuti sia con la Lazio che in nazionale, non vede l’ora di poter staccare il biglietto per il Qatar e chiudere finalmente il cerchio.

recupero

—  

Nelle prossime ore Immobile si sottoporrà alla risonanza magnetica, ma intanto sta lavorando per tornare il prima possibile. Con il calendario così fitto anche un giorno può fare la differenza. Si è sottoposto alle terapie curative a Formello e si sta allenando in piscina. D’altronde, da quando Immobile veste il biancoceleste, la Lazio, con lui a disposizione, ha vinto il 56% delle partite giocate. Quando invece l’attaccante è assente la percentuale di successo scende al 29%. Sarri in questi giorni sta provando Pedro come falso 9, sfruttando il recupero di Zaccagni, finalmente a disposizione dopo i due problemi fisici che lo hanno frenato. Appare invece improbabile che Sarri torni a fare affidamento su Muriqi, che nei 18 mesi di Lazio ha tremendamente deluso. Sarri però, recuperato Zaccagni, voleva anche dare un po’ di riposo a Felipe Anderson e a Pedro, per evitare di spremerli. Senza Immobile, spostando Pedro al centro, non lo potrà fare perché ancora privo di cambi all’altezza. Anche per questo la Lazio, in attesa di novità sulle condizioni di Immobile, tiene il fiato sospeso.

Precedente Roma, tre giorni di stop: Mourinho vola a Londra. Gli infortunati a Trigoria Successivo Pellegrini: “Lo scudetto sarà dell’Inter. Barella? Un piccolo Matthäus”

Lascia un commento