La Juve post rivoluzione: cosa cambia con Locatelli. E senza Ronaldo

Chiuso il mercato, la Vecchia Signora consegna all’ex Sassuolo il ruolo di direttore d’orchestra e si ritrova con un CR7 in meno. Quali modifiche per la squadra?

La palla passa ora ad Allegri. A mercato chiuso la rosa è definita, quindi il gioco dei “se” e dei “ma” e di tutte le possibili combinazioni finisce qua. Da oggi si apre una finestra di una decina di giorni prima dell’impennarsi della stagione: la Juve in una settimana sarà poi attesa, nell’ordine, dalla sfida col Napoli, dall’esordio in Champions col Malmoe e dalla gara con il Milan. Ossia si comincerà a fare sul serio, dopo un avvio tutt’altro che esaltante con un punto in due partite.

Precedente Palermo, che numeri al Barbera: tra B e C solo una squadra con più spettatori Successivo Inter, tutti i giovani bomber andati in prestito

Lascia un commento