Inter, inizia l’era Inzaghi. Mercoledì la presentazione, poi tutti al lavoro

Il successore di Conte in conferenza a San Siro. Il giorno dopo scatta la preparazione (senza tanti nazionali) per difendere lo scudetto

La campanella suonerà alle 9 di giovedì mattina. Ci siamo, è la settimana del varo dell’Inter di Simone Inzaghi. Appello incompleto, in tanti arriveranno in giustificato ritardo e altri cambieranno squadra prima dell’inizio del campionato. Ma resta un momento simbolico per i campioni d’Italia, che a un mese e mezzo dallo scudetto ripartono con un nuovo condottiero, che verrà presentato mercoledì alle 12.30 a San Siro, affiancato dall’ad Beppe Marotta. Una grande sfida, per Inzaghi visto che l’eredità di Antonio Conte è di quelle pesanti da sostenere.

Il programma

—  

La ripresa degli allenamenti è fissata per giovedì, anche se Inzaghi (che verrà presentato tra il 7 e l’11 luglio, con sede e modalità che verranno annunciate a breve) sarà a Milano e operativo un paio di giorni prima. Con il suo staff preparerà il lavoro e prenderà confidenza con la Pinetina, assaggiata soltanto il 3 giugno scorso, con il blitz che portò anche alla firma. La squadra lavorerà al Suning Training Center per due settimane scarse, svolgendo un’unica amichevole (il 17 luglio, contro il Lugano a Cornaredo, ore 20.30), poi il 22 volerà negli Stati Uniti per la Florida Cup. A Orlando sfiderà prima l’Arsenal (il 25) e poi una tra Everton e i colombiani del Millionarios, il 28. Rientrata in Italia, l’Inter entrerà nella fase più intensa della preparazione. E non soltanto perché a quel punto si aggregheranno i nazionali. Prima dell’inizio del campionato, fissato per il 21-22 agosto (il calendario verrà stilato il 14 luglio, i nerazzurri esordiranno in casa), verranno disputate almeno due amichevoli. Una dovrebbe giocarsi a Tel Aviv contro l’Atletico del Cholo, campione di Spagna. L’altra prima di Ferragosto, in Italia e contro un avversario da decidere.

Nomi “nuovi”

—  

Giovedì il gruppo sarà inevitabilmente ridotto. Mancheranno infatti all’appello tutti i nazionali impegnati tra Europeo e Coppa America. Ad oggi restano in corsa soltanto Barella, Bastoni e Lautaro, ma per alcuni le tre settimane di ferie sono appena scattate (oltre a Lukaku, nelle ultime ore sono stati eliminati Sanchez, Vidal e Vecino) e quindi difficilmente parteciperanno al viaggio negli Usa. Diverso il discorso degli altri (compreso il neo acquisto Calhanoglu), che dovrebbero partire per la Florida. Resta il fatto che le tante assenze verranno in parte colmate dai vari rientri, tra prestiti scaduti e mancati riscatti. Nella nuova rosa pubblicata sul sito ufficiale dall’1 luglio infatti ci sono tanti nomi “nuovi” come Gravillon, Pirola, Dimarco, Dalbert, Vagiannidis, Lazaro, Males, Salcedo, Esposito, Colidio, Vergani e Gavioli.

Precedente Dybala prepara il ritorno, la firma si avvicina? Successivo Eriksson: “Mourinho fa bene i primi due anni ovunque vada, poi nascono i problemi”

Lascia un commento