Caso Vinicius, il tribunale convoca i tre tifosi del Valencia accusati di insulti razzisti

VALENCIA (SPAGNA) – Dovranno comparire davanti a un giudice i tre ragazzi, tutti tra i 18 e 21 anni, identificati e arrestati come gli autori dei cori razzisti nei confronti del calciatore del Real Madrid, Vinicius, durante la gara contro il Valencia.

Chi sono i re dei dribbling? C'è anche Kvaratskhelia tra i migliori 10 giovani al mondo

Guarda la gallery

Chi sono i re dei dribbling? C’è anche Kvaratskhelia tra i migliori 10 giovani al mondo

Vinicius presente in videoconferenza

I tre appariranno davanti alla Corte Superiore di Giustizia di Valencia e anche Vinicius prenderà parte, non di persona ma in videoconferenza, per dare la sua testimonianza sull’accaduto. A questo procedimento si aggiunge anche la denuncia, per reati d’odio, presentata dalla Questura Superiore della Comunità Valenciana. Non solo, il magistrato ha deciso di inviare una lettera al Valencia per sollecitarlo a conservare il materiale audiovisivo, dal 72° minuto di gioco, nel caso in cui in qualsiasi momento durante le indagini fosse necessario visionarlo. Il tribunale convocherà anche alcune guardie giurate che nella giornata del match erano in servizio in qualità di testimoni.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Vanoli: "Venezia sfavorito col Cagliari, ma abbiamo un valore aggiunto" Successivo Roma, da Tirana a Budapest: la coincidenza clamorosa sulle strade notata dai tifosi 

Lascia un commento