Allegri, un passo avanti. Ma questa Juve cerca ancora un’identità

Il tecnico non può più ignorare le difficoltà a concretizzare. Perché la prima regola dev’essere sempre non scoprirsi?

Nessuna sorpresa se, dentro Cuadrado al posto di Rabiot, con Chiesa spostato a sinistra e due punte in verticale, la Juve ha fatto gol e vinto al 90’. L’espulsione di Milenkovic ha dato una bella mano, ma è legittimo chiedersi ancora una volta perché aspettare il finale per vedere una squadra più logica. Il paradiso non può attendere: la classifica è complicata, Napoli e Milan stasera possono riallungare a +16, e anche la Champions per ora è lontana con l’Atlanta che passa a Cagliari. C’è da vincere, vincere, vincere. Allora perché Cuadrado, o comunque un esterno di ruolo, non può giocare dall’inizio, invece di costringere Rabiot a compiti che lo escludono dalla manovra?

Precedente Lazio-Salernitana: la strana sfida di Lotito, l’ex doppio patron Successivo Chiesa, festa a sorpresa dopo la vittoria della Juve

Lascia un commento