Van der Meyde: “Vi racconto il mio amico Dumfries, un buono che in campo ti ammazza”

L’ex nerazzurro racconta il suo connazionale: “Un giro in auto con lui e ho capito quanto sia umile. Conquisterà i tifosi, ma non viva nell’ombra di Hakimi”

Non si può certo dire che con Van der Meyde ci si annoi: dalle notti di San Siro, nell’Inter di Cuper e Mancini, a quelle folli di Liverpool, in cui faceva più rumore nei pub, sulle bizzarrie di Andy c’è ampia letteratura. Una volta allestì pure uno zoo in giardino con un cammello. Delle tante vite vissute dall’olandese, l’ultima è quella da youtuber: in Olanda si diverte a intervistare in auto dei calciatori e tre anni fa ha portato in giro un laterale dell’Heerenveen. Si chiamava Denzel Dumfries, è diventato l’undicesimo olandese della storia nerazzurra. Tra l’altro, l’unico a scatenarsi sulla fascia destra proprio come faceva Andy.

Precedente I rinnovi silenziosi e quelli urlati: i casi di Brozovic e Kessie Successivo Capello: "Non pensavo che Lukaku, Ronaldo e Donnarumma..."

Lascia un commento