Under 21, tutto facile per gli azzurrini: 4-0 al Lussemburgo e qualificazione all’Europeo

La doppietta di Scamacca nel primo tempo e i gol di Pinamonti e Marchizza nella ripresa regalano la vittoria ai ragazzi di Nicolato

È filato tutto liscio. Un gol presto, il raddoppio subito, un avversario che non poteva creare e non ha creato problemi. L’Italia Under 21 si qualifica all’Europeo con un turno di anticipo con il 4-0 in casa del Lussemburgo, marchiato soprattutto dalla doppietta di Scamacca, capocannoniere di questo ciclo con 5 reti.

Nicolato prosegue sul solco della continuità: confermati dieci undicesimi della formazione che ha cominciato con l’Islanda, unica novità Marchizza per l’infortunato Lovato. Questa però è una partita completamente diversa, da giocare in una metà campo sola.

Inizio convincente

—  

L’Italia comincia ad azionare il proprio giro-palla, cerca spazi tra le linee con Sottil e affondi delle mezzali, soprattutto Frattesi che sovrappone interno a destra. È da quella parte che gli azzurrini insistono di più. Sottil si libera sulla trequarti e serve in area Scamacca che gira di prima: Ottele alza in angolo. Dal corner, disegna Rovella, Sottil prolunga verso Scamacca che stoppa di petto e batte verso l’angolino, senza che il pallone tocchi terra. è il 15’. Al volo, come vola l’Under 21 azzurra verso l’Europeo. Mentre i nostri tre difensori vigilano tranquilli, l’Italia controlla e raddoppia al 29’, ancora da destra: Gabbia fa viaggiare Bellanova, finta a rientrare su Schmit, cross bucato da Ottele e Scamacca si ritrova il pallone sulla testa e da lì in rete. Tre tiri, due gol, l’Italia non sperpera.

La ripresa

—  

Dopo l’intervallo, Nicolato toglie gli ammoniti Sala e Pobega più Sottil, e mette Frabotta, Ricci e Pinamonti. Se possibile, la qualità di circolazione aumenta, perché Ricci è più costruttore di Pobega e Frabotta una furia fisica a sinistra. È il terzino della Juve a costruire il 3-0 all’11’: sul suo cross basso non arriva Scamacca, Bellanova lo ripropone e Pinamonti – che tre minuti prima aveva deviato largo un cross basso di Frabotta – stavolta battezza a colpo sicuro. La partita è talmente in discesa che corre verso la porta anche il centrale Marchizza, che al 21’ infila il poker con un sinistro dal limite dell’area. Il finale è garbage-time: si segnala soltanto l’ammonizione di Pinamonti, che era diffidato e salterà l’ultimo match, contro la Svezia a Pisa mercoledì. Per gli azzurri, un’amichevole.

Europeo in vista

—  

L’Italia è la decima squadra qualificata all’Europeo, il primo a 16 squadre, dopo Ungheria e Slovenia (le ospitanti), Svizzera, Francia, Inghilterra, Russia, Spagna, Olanda e Danimarca. Appuntamento per la prima parte della fase finale, quella a gruppi, dal 24 al 31 (quattro gironi da quattro, si qualificano le prime due). Poi eliminazione diretta dal 31 maggio al 6 giugno, dai quarti in avanti.

Precedente Pellegrini, positive al Coronavirus anche moglie e figlia: “Stiamo bene” Successivo Nicolato: "Grande lavoro dello staff. Richiamare giovani dalla Nazionale? Vedremo..."

Lascia un commento