Una mostra per Maradona nel primo Mondiale senza il Pibe de Oro

A Doha sarà esposta la più grande collezione privata di oggetti legati all’ex giocatore del Napoli

Salvatore Malfitano @malfitoto

17 novembre – Milano

Ci sarà una sola mostra al Mondiale, in cui peraltro sarà possibile parlare con Diego Armando Maradona. Niente di spiritico, anzi: grazie ad un sistema di intelligenza artificiale, sarà possibile interagire con la voce e l’immagine del campione argentino, scomparso il 25 novembre 2020 all’età di 60 anni. Tutto questo sarà possibile durante il Maradona Fan Fest, nel quale saranno esposti i cimeli appartenenti al Pibe de Oro di proprietà dell’imprenditore Antonio Luise, in collaborazione con Tango D10s, presso l’Executive Hangar di Qatar Airways a Doha. Si tratta della più grande collezione privata di oggetti legati all’ex giocatore del Napoli, che resterà esposta tutti i giorni dal 20 novembre al 20 dicembre dalle 10 alle 24. Sarà possibile, inoltre, vivere un’esperienza vip visionando alcuni reperti esclusivi.

I PROMOTORI

—  

Tangibile la soddisfazione di Luise, per l’accordo raggiunto con l’amministratore delegato di “Ten Experience Collection – Tribute to an Icon”, Pierluigi Salemme, e Maximiliano Gallo, ideatore e produttore generale del progetto Tango D10s: “Siamo davvero felici di avere la grande possibilità di mettere a disposizione di un progetto così importante i cimeli di Maradona di mia proprietà. È un grande orgoglio portare un pezzo di Castel Volturno nella più importante competizione calcistica internazionale. Sarà, senza dubbio, un mondiale all’insegna di Diego e di ciò che è stato in grado di donare ad ognuno di noi. Con Tango D10s stiamo avviando tutto una serie di progetti nel ricordo di Maradona, che resta vivo nel cuore di noi tifosi. Gli rendiamo omaggio come se fosse ancora tra di noi. Vi aspettiamo a Doha per vivere un’esperienza che resterà nella storia del calcio mondiale”.

Precedente Il sondaggio: al Mondiale senza Italia, i lettori Gazzetta tifano Argentina. E contro la Francia... Successivo San Siro, dibattito chiuso: Milan e Inter pronte allo sprint per il nuovo stadio

Lascia un commento