Torino, Nicola: “Genoa in forma, sarà difficile. Ma non cerco rivincite”

TORINOTorinoGenoa non sarà solo uno scontro salvezza per Davide Nicola, ma anche una sfida al suo (recentissimo) passato, visto che il tecnico ha salvato proprio i rossoblù nello scorso campionato. Ora, però, è chiamato a ripetere la grande impresa anche in granata: “Affronteremo un Genoa che sta tenendo un ritmo Champions e sarà una partita difficile contro una squadra in forma. Ma noi vogliamo giocarcela. Stiamo migliorando step dopo step, provando ad inserire quello che ci manca. Possiamo progredire in tutto e i margini di crescita sono alti, sono fiducioso per il lavoro che stiamo facendo, anche se il processo è lungo“. Così Davide Nicola, tecnico del Torino, in vista della sfida al Genoa, proprio la squadra che ha salvato in corsa nell’ultimo campionato, senza poi essere confermato. “Rivincita? No, fa parte del passato e mi interessa solo il presente, dobbiamo essere consapevoli che solo il lavoro ci porterà ad avere continuità e cerco solo di trasmettere alla squadra la mia voglia di arrivare in fondo all’esperienza – ha proseguito il tecnico granata -. Nella mia carriera ho sempre accettato sfideavvincenti e ora sono in un club importante come il Toro”.

Nicola: "Dimostrato di essere un gruppo di valore"

Guarda il video

Nicola: “Dimostrato di essere un gruppo di valore”

“Le gare non finiscono mai”

Sulle scelte di formazione: “Baselli? C’è bisogno di tutti ed è pronto dopo essere subentrato per tre gare di fila, conta il fatto che un giocatore possa determinare una gara anche subentrando. Stesso discorso per i difensori, ci sarà chi gioca di più e chi di meno. Cosa dico al gruppo riunito in cerchio dopo ogni partita? Così provo a consolidare i valori del Torino, indipendentemente dal risultato”. Ora i granata rimontano sempre, ma comunque passano sempre in svantaggio: “In Serie A c’è qualità e nessuno ti fa sconti, spesso perdiamo equilibrio nella gestione delle emozioni, ma questa è la strada. In campionato e in partita può succedere di tutto, le gare non finiscono mai“. La chiosa del tecnico è sull’aria che si respira nello spogliatoio: “Più armonia tra i ragazzi? Stanno acquisendo consapevolezza di poter essere tutti determinanti. Il cerchio vuole veicolare un messaggio per il nostro ambiente e per tutte le persone che lottano insieme a noi. Nessuno è al centro e nessuno è ai margini: il mercato è chiuso ed è questo il gruppo che deve centrare l’obiettivo“.

Precedente DIRETTA BRINDISI TRIESTE/ Video streaming Rai: focus sugli infortunati, Coppa Italia Successivo Sampdoria, Ranieri: "Occhio alla Fiorentina, hanno l'acqua alla gola"

Lascia un commento