Skriniar: “Felice di essermi ripreso il posto. Scudetto? Ne parliamo, ma…”

Milan Skriniar è tornato il muro che ha conquistato i tifosi dell’Inter quando è approdato a Milano. Il primo anno con Conte è stato complicato, lo slovacco ha faticato a entrare nei meccanismi della difesa a 3. Tanto che la scorsa estate è stato sul punto di partire se solo il Tottenham avesse alzato l’offerta. Una sliding doors che avrebbe cambiato il destino suo e probabilmente anche dell’Inter. “Ho un’età in cui è importante vivere un’esperienza del genere. E sono contento che non mi abbia spezzato. Mi sono fatto forza, motivato internamente e ho dimostrato a me stesso che potevo farcela. Non ho detto che stavo male per non combattere. Al contrario, ho dimostrato che era possibile e sono tornato“, racconta il difensore a Sport Aktuality in un’intervista rilasciata prima della gara di Coppa Italia contro la Juve.

“La scorsa stagione ho giocato quasi sempre in campionato. Ho saltato solo le ultime due partite quando l’allenatore cambiava spesso la formazione. Non ho giocato in Europa League, in cui la squadra ha fatto bene. Giocavano quasi sempre gli stessi giocatori e io non appartenevo a quel gruppo. Tuttavia in nessun momento mi sono sentito arrabbiato. Al contrario, ho aiutato più che potevo la squadra. Sapevo che al momento era difficile scendere in campo. La situazione è cambiata, anche se è chiaro che è ancora vero che ci sono almeno due calciatori di qualità in ogni ruolo della squadra”.

Nella difesa a tre si giochi insieme a Stefan de Vrij e Alessandro Bastoni. Come ti trovi con questi giocatori?

“Penso che funzioni bene. Come squadra abbiamo subito un po’ più gol rispetto allo scorso anno, ma è anche dovuto al fatto che siamo più offensivi. Quindi, anche se abbiamo preso più gol, ne facciamo qualcuno in più”.

Getty Images

L’unico punto nero della stagione è la Champions League

“È chiaro che la Champions League è stata un duro colpo per noi, perché non siamo riusciti ad andare avanti. Ci ha fatto male. Abbiamo ancora due competizioni e c’è qualcosa per cui lottare. Abbiamo i nostri obiettivi e credo che andremo più in alto possibile su entrambi i fronti”.

In Serie A potete arrivare al primo posto. La parola “scudetto” è spesso citata nello spogliatoio? 

“Siamo l’Inter e abbiamo un’ottima squadra. Questa parola si scrive ovunque, soprattutto sui giornali italiani. Nello spogliatoio ne parliamo ma in maniera umile. Allo stesso tempo, però, è naturale avere solo grandi obiettivi. Stiamo andando bene e negli ultimi nove anni c’è stata un’altra squadra a vincere, è una cosa che vogliamo che cambi. Tuttavia, il campionato è il più equilibrato degli ultimi anni ed è chiaro che dobbiamo gestire non solo grandi partite”.

Getty Images

I tuoi due gol sono la prova che stai andando davvero bene in questa stagione?

“Ero, ovviamente, molto soddisfatto dei gol. Ciò che mi ha fatto più piacere, tuttavia, è stato che hanno aiutato in modo significativo la squadra. Quello contro il Verona è stato il gol vincente e nel duello con la Roma era il gol del pareggio. Interessante il fatto che fossero due gol fotocopia”.

Sulla stagione

“Sono contento che non solo io, ma tutta la squadra stia andando bene. Abbiamo giocato ottime partite, abbiamo ottenuto vittorie importanti. Ovviamente siamo contenti, ma la stagione è ancora molto lunga. In ogni duello successivo, dobbiamo confermare una buona prestazione e cercare di migliorare ciò che abbiamo ottenuto finora”.

Quando si parla di vittorie importanti, lo è sicuramente il trionfo in campionato sulla Juventus di due settimane fa, giusto?

“Decisamente. Non solo perché è il derby d’Italia, ma l’Inter non vinceva con la Juve da molto tempo. È stato un risultato estremamente importante per noi e per i tifosi. Siamo stati molto felici dopo questa gara”.

Getty Images

Che sapore ha avuto la vittoria per 2-1 sul Milan?

“Dolce. È stato anche un duello importante. Tuttavia, questo è stato il nostro messaggio non solo verso il Milan, ma anche verso le altre concorrenti. La notizia che siamo qui e pronti a lottare fino alla fine per il nostro posto tra i migliori.  Abbiamo avuto molte occasioni, ma alla fine è stata una partita pazzesca. Anche perché l’arbitro si è infortunato e ci sono stati tanti minuti di recupero. Durante questo periodo, Christian Eriksen ha tirato una bella punizione e ci ha assicurato una grande vittoria e il passaggio del turno”.

Hai giocato quindici delle diciannove partite di campionato e le tue prestazioni ti hanno portato nella top 11 della Serie A. Che cosa significa questo per te?

“Mi rende davvero felice. È vero che alla fine della scorsa stagione, quando la squadra ha avuto successo in Europa League, sono uscito dalla formazione titolare. L’allenatore quindi non aveva motivo di cambiare l’undici titolare. Dopo la prima parte di questa stagione, tuttavia, sono tornato alle origini. Più tardi è arrivato il periodo sfortunato con il covid, ma poi ho continuato a giocare partite intere. L’Inter ha un’ottima squadra, l’allenatore può scegliere tra una forte concorrenza. C’è una lotta per un posto praticamente ogni giorno. Devo anche cercare di mantenere la mia posizione. Il fatto di essere tornato in tempi relativamente brevi è una soddisfazione per me. Ora devo solo andare avanti e continuare a lavorare su me stesso in modo che nulla debba cambiare in questa direzione. Le prestazioni sono buone, ma ciò non significa che non possano essere migliori. C’è sempre spazio per ulteriori progressi”.

(Sport Aktuality)

<!–

–> <!–

–>

Precedente L'armistizio Dzeko-Fonseca e Laporte che vince a Besseges Successivo Un talento al giorno, Roman Evgenyev: il capitano 20enne è la grande speranza russa

Lascia un commento