Sarri, rinnovo ok. E la Lazio va su Parisi: per la fascia sinistra servono 10 milioni

La società biancoceleste punta a un prestito con riscatto a 8, ma l’Empoli vuole realizzare di più. Più difficile prendere Emerson

Il rinnovo di Sarri è ormai in cassaforte. E come regalo per il tecnico toscano (che prolungherà fino al 2025, con ingaggio che salirà a 3,5 milioni annui) è in arrivo un nuovo acquisto. Dopo quello, non ancora ufficializzato ma già perfezionato, del play di centrocampo Marcos Antonio dallo Shakhtar Donetsk (operazione da circa 10 milioni di euro) ecco profilarsi all’orizzonte pure l’arrivo di un nuovo terzino sinistro. La Lazio lo ha individuato in Fabiano Parisi, il giovane laterale irpino (compirà 22 anni a novembre) che nelle ultime due stagioni è letteralmente esploso con l’Empoli, arrivando anche in nazionale, quella under 21 di cui fa parte, ma pure quella maggiore (il c.t. Mancini lo ha convocato per lo stage riservato ai giovani più interessanti che si è svolto nei giorni scorsi a Coverciano).

La trattativa

—  

Parisi è nel mirino della Lazio già da diverse settimane. A caldeggiarne l’interesse è stato proprio Sarri, che sia per questioni di affetto sia per vicinanza geografica ha sempre un’attenzione particolare per ciò che accade ad Empoli. E così di Parisi aveva già notato la crescita nella scorsa stagione in Serie B. Progressi che sono continuati quest’anno in A. Il Comandante lo ritiene l’elemento giusto con cui colmare il buco che c’è in organico sul settore sinistro della difesa. La Lazio non ha infatti un esterno basso mancino (ad eccezione di Radu che però Sarri vede meglio come centrale). Quest’anno nel ruolo sono stati adattati prima Hysaj e poi Marusic, entrambi di piede destro e quindi inevitabilmente limitati sul versante opposto. Per la prossima stagione servirà un sinistro vero in quella posizione. Si era pensato ad Emerson Palmieri, giocatore che Sarri conosce bene, avendolo avuto al Chelsea. Ma il giocatore azzurro dovrebbe rientrare nel club londinese dopo il prestito al Lione. Parisi ha meno esperienza, ma è più giovane e sarebbe quindi anche un investimento per il futuro. L’Empoli lo valuta 10 milioni, una cifra importante che la Lazio proverà a limare in qualche modo. Non è escluso che venga proposta qualche contropartita tecnica (potrebbero essere proposti i giovani Kamenovic e Moro).

La concorrenza

—  

La Lazio spera anche che il club toscano abbassi un po’ le pretese visto che gli altri due club che si erano interessati al giocatore sembrano essersi defilati. Il Napoli, infatti, dopo aver acquistato l’uruguaiano Olivera difficilmente prenderà un altro terzino sinistro. E in quanto all’Inter, anche se Parisi continua ad essere monitorato, non sembra in questo momento essere in cima alla lista dei desideri del club nerazzurro. La strada per la Lazio sembra quindi essersi spianata, ma l’operazione resta comunque complicata. Oltre che l’intesa sul prezzo (il club romano punterà ad offrire una cifra sui 7-8 milioni), ci sarà da discutere anche sulle modalità dell’acquisto. La Lazio potrebbe chiedere di utilizzare la formula del prestito con riscatto obbligatorio in modo da dilazionare il pagamento del cartellino del giocatore empolese. Una formula che, ovviamente, non entusiasma chi deve vendere. Ma i margini per trovare un’intesa anche sotto quest’aspetto ci sono.

Precedente Salernitana, rinnovo automatico per Ribery. Si attende la firma di Nicola Successivo La Juve perde terreno nel ranking Uefa ma resta nella top 10

Lascia un commento