Salernitana, rinnovo automatico per Ribery. Si attende la firma di Nicola

Il francese resta: l’accordo prevedeva il prolungamento a salvezza raggiunta. L’allenatore: “Parte un nuovo sogno”

L’età è quella che uno si sente, contano le motivazioni e la voglia di mettersi in gioco. “Si è vecchi quando si pensa di esserlo”, chissà se Franck Ribery conosce questa celebre frase pronunciata da Muhammad Alì, uno dei più grandi pugili della storia. Di sicuro l’entusiasmo del campione francese è quello di sempre, per nulla attenuato dalle vittorie conquistate nel corso della sua lunga carriera. Ribery, classe 1983, ad aprile ha festeggiato il trentanovesimo compleanno e l’idea di smettere non lo sfiora affatto.

Discorso

—  

Lunedì scorso, durante il pranzo della squadra che ha sancito la conclusione di questa stagione, Ribery ha manifestato le sue intenzioni a Walter Sabatini. “Voglio giocare ancora”, la sintesi del suo discorso al diesse. Solo poche ore prima, nella notte della festa salvezza, lasciando lo stadio Ribery aveva svelato il suo pensiero scherzando con alcuni giornalisti. “Vuoi che rimango a Salerno? Allora resto”, aveva detto. Ribery non lascia, ma raddoppia anche perché il contratto firmato con la vecchia proprietà nell’estate dello scorso anno prevedeva il rinnovo automatico in caso di salvezza. Così come per il portiere Sepe e l’attaccante brasiliano Mikael c’è l’obbligo di riscatto sul cartellino, con la salvezza acquisita.

Raddoppio

—  

Ribery è pronto a vivere una nuova esperienza a Salerno e se Ibrahimovic ha vinto uno scudetto a quarantuno anni, ecco che il francese è pronto a mettere ancora le sue qualità e la sua esperienza al servizio della Salernitana. Nella stagione appena conclusa “Zio Frank”, così come lo chiamano affettuosamente i tifosi granata, ha collezionato 23 presenze con 3 assist e nessun gol. Per allenatore e compagni di squadra il francese è un leader, un esempio di professionalità; Ribery è entrato nel cuore della tifoseria che ha apprezzato la sua voglia di non risparmiarsi, di dare sempre il massimo. In questi giorni è diventato virale un video con Ribery in sella ad una bici mentre canta un coro della Curva. Con la sua presenza in rosa, salvo clamorosi ripensamenti, per la Salernitana del futuro c’è già una buona base di esperienza.

La firma

—  

Nel frattempo dopo la riconferma di Sabatini si attende l’annuncio per l’allenatore. La proposta di rinnovo formulata a Davide Nicola, tra i principali artefici dell’impresa salvezza, non è stata ancora firmata dal tecnico. Nessun giallo, però, ieri l’incontro con il presidente è saltato perché Iervolino è stato trattenuto a Roma da impegni lavorativi. Nicola era ancora in città e, al fianco dell’amministratore delegato Milan, ha presenziato ad una iniziativa editoriale lanciata per celebrare la salvezza della Salernitana. “Immagino come dal lancio dei palloncini che possa partire un nuovo sogno, questo è quello che mi interessa. O meglio tutto quello che mi interessa da oggi in poi”, ha detto Nicola che, così come confermato dalla società, d’intesa con Sabatini sceglierà la data di inizio del ritiro precampionato. In mattinata potrebbero esserci novità, l’allenatore è poi atteso a Rimini per ritirare la Figurina d’oro del Premio Panini The Coach Experience. A metà giugno dovrebbe essere lanciata la campagna abbonamenti mentre oggi l’a.d. Milan incontrerà il sindaco di Salerno, Napoli, per la concessione dello stadio Arechi.

Precedente Spezia, si cambia: Motta è ai saluti, Gotti davanti a Pirlo e Bjelica per la successione Successivo Sarri, rinnovo ok. E la Lazio va su Parisi: per la fascia sinistra servono 10 milioni

Lascia un commento