Samp, Ranieri: “Contro la Lazio dovremo soffrire. Serve la partita perfetta”

Le dichiarazioni del mister blucerchiato a pochi giorni dalla gara con la Lazio in programma sabato all’Olimpico

Dopo la vittoria con la Fiorentina, il tecnico blucerchiato carica i suoi sottolineando alcuni degli elementi chiave che non dovranno mancare nella gara con la Lazio, in programma sabato all’ Olimpico di Roma. Mister Ranieri nelle sue dichiarazioni pre gara ha ragionato sui possibili recuperi e sulle mosse da attuare per evitare il contrattacco degli avversari: “Sabato troveremo un’ottima squadra che sono diversi anni che lotta per entrare in Champions. I loro impegni sono fitti, dovranno giocare con il Bayern quindi saranno motivati al massimo. Per noi sarà una partita bella, difficile ed emozionante. Inzaghi? Può darsi che non abbia ingranato subito come l’anno scorso però sta facendo bene. Ha una rosa importante: Immobile giocatore immenso, quelle due mezze ali che starebbero bene in qualunque società di vertice ovvero Milinkovic-Savic e Luis Alberto. Giocano un bel calcio, è una squadra quadrata. Ho visto la partita di San Siro ma con Lukaku in quelle condizioni ha avuto ragione l’Inter.

Sappiamo che soffriremo, non dobbiamo sbagliare nulla. L’impegno sarà più alto perché loro vengono da una sconfitta per cui non ci staranno a perdere. Hanno dimostrato che chiunque giochi sa cosa fare. Noi dovremo rendergli la vita difficile e fare gol. Non sarà la gara di andata, ne per loro ne per noi.

Tra i miei rientra Tonelli, Gabbiadini sta lavorando bene nel recupero così come Torregrossa. Anche noi stiamo recuperando i nostri pezzi.

Quando il presidente mi ha proposto di andare a trovare il Santo Padre ho detto subito di sì, sono emozionato di incontrarlo.

Ci mancano i tifosi, questo purtroppo è un nemico invisibile per cui capisco il ministero della sanità e le sue indicazioni. Teniamo duro stanno arrivando i vaccini e speriamo di esserne fuori al più presto”.

Precedente Del Piero omaggia Baggio, Totti e Dybala mettono like Successivo L'ex c.t. Pekerman: "Messi lo abbiamo praticamente rubato alla Spagna..."

Lascia un commento