Roma, da Villar a Calafiori: chi c’è sulla (lunga) lista di partenza

Obiettivo l’esterno destro e al centrocampista per accontentare Mourinho, ma prima bisogna piazzare i giocatori che non fanno più parte del progetto

Le priorità della Roma sono due e viaggiano su binari paralleli: da una parte regalare a Mourinho un esterno destro e un centrocampista, dall’altra regalare al bilancio un po’ di ossigeno cedendo quei giocatori che non fanno più parte del progetto. I primi due sono Fazio e Santon che, fino a giugno, costano al club ancora un paio di milioni e sono fuori dal gruppo squadra da luglio: il primo piace in Spagna e alla Samp (e c’è stato un timido sondaggio del Napoli), il secondo in Turchia e in Francia ma, ad ora, non hanno chiuso con nessun club. Poi ci sono quei giocatori che si allenano con Mourinho ma giocano poco e potrebbero trovare squadra già a gennaio, consentendo al club, tra cartellini e ingaggi, un risparmio di almeno una ventina di milioni.

Cinque in attesa

—  

I giocatori che potrebbero lasciare Trigoria a gennaio sono cinque. In difesa Reynolds e Calafiori: il primo, mandato in America a dicembre per uno stage con la Nazionale Usa, per Mou non è mai stato un’opzione. Piace al Bruges, la Roma sta vedendo se qualcuno in Italia vuole dargli fiducia per farlo giocare con continuità. Calafiori piace al Cagliari, mentre Kumbulla, che piace a Napoli e Fiorentina, è destinato a restare. A centrocampo i partenti sono, anzi sarebbero, Villar e Diawara. Il primo interessa alla Juventus, che però ha altre priorità, e piace in Spagna, dove tornerebbe volentieri: prestito o cessione a titolo definitivo (almeno sette o otto milioni, ma al momento è difficile) la soluzione. Diawara sta preparando la Coppa d’Africa, la Roma lo cederebbe subito ma la distanza non aiuta. In attacco pochi movimenti: Mayoral potrebbe andare alla Fiorentina, ma essendo di proprietà del Real per la Roma ci sarebbe solo il risparmio dell’ingaggio, mentre Carles Perez piace in Spagna e in Italia ma l’ingaggio da oltre 2 milioni non aiuta e Mou, nonostante tutto, lo considera sicuramente più degli altri, visto che finora ha giocato 16 partite. Se arrivasse un’offerta potrebbe partire, altrimenti se ne riparlerà a giugno.

I giovani

—  

Resterà invece Felix, potrebbero andare a fare esperienza Darboe e Bove (se arrivasse un centrocampista) e Zalewski: la Roma, che ha appena rinnovato il contratto a tutti e tre, non vuole però perderli. Se andranno via, quindi, sarà solo per giocare di più e tornare a Trigoria più pronti.

Precedente Domani incontro Lukaku-Chelsea. Tuchel: "Troppo rumore, perciò non gioca" Successivo Salernitana, Iervolino accende la piazza: "Vogliamo essere l'Atalanta del Sud"

Lascia un commento