Preziosi: “Genoa blindato con 777 Partners. Io? Tanti errori, ma anche molta Serie A”

L’ormai ex proprietario del Grifone elogia la nuova società: “Sono giovani e con potere di investimento. Io mangia allenatori? Gasperini è stato nove anni”

“Avrò fatto un sacco di errori, ma anche qualcosa di buono. Quindici anni di Serie A testimoniano lo sforzo”. Parole di Enrico Preziosi, da pochi giorni ex proprietario del Genoa. Una storia molto travagliata quella tra Preziosi e il popolo rossoblù, con la gradinata Nord di Marassi che ha più volte contestato il suo ex numero 1. Che ora ha parlato a Radio Anch’io Sport: “Ho lasciato il Genoa in buone mani, il suo futuro è blindato. 777 Partners è una società giovane, con una situazione finanziaria importante e con investimenti in tutto il mondo. Erano tre anni che cercavo qualcuno a cui affidare il futuro del club”. Un Preziosi che continuerà ad avere un ruolo all’interno della società, anche se si tratterà di un impiego marginale: “Non ho potere decisionale, ma solo un posto nel board e una delega per alcune attività”.

Allenatori

—  

Nei suoi anni in Liguria, Preziosi si è costruito una fama di ‘mangia allenatori’, anche se non sempre è andata così: “In alcuni casi ho avuto fortuna, in altri sono stato avventato. Quando però ne ho trovato uno buono, Gasperini, è rimasto con me nove anni”. Proprio questa facilità nel cambiare guida tecnica è uno dei fattori più contestati dai tifosi del Grifone. “Ma ho preso il Genoa in Serie C e ci ho investito tantissimo – continua Preziosi -. Abbiamo cercato di fare il possibile, il calcio è difficile e a volte i tifosi si aspettano molto di più di quello che si può raggiungere. Forse potevamo fare meglio ma si poteva fare anche peggio, lo dirà la storia”.

Il futuro

—  

Nei giorni scorsi il nome dell’ex proprietari dei rossoblù era stato accostato alla Salernitana, eventualità che viene allontanata dallo stesso Preziosi: “Sono uscito dal calcio e non ci entrerò mai più. Ho già dato per oltre trent’anni. Ho ricevuto diverse telefonate ma non farò più niente nel calcio, è un dato certo. E’ finita l’era dei presidenti mecenati. 777 Partners vede nel calcio un’azienda di intrattenimento, uno dei business più importanti per il futuro dell’intrattenimento. Dovranno fare i conti anche con la burocrazia italiana, ma diamogli tempo. Guardate cosa sta facendo Commisso a Firenze”.

Campionato

—  

Il futuro, dunque, è solo da tifoso. Del suo Genoa ma non solo: “Scudetto al Napoli? Me lo auguro, è sempre stata la mia squadra del cuore. Sono veramente felice che quest’anno sia iniziato con sei vittorie, hanno tutti gli ingredienti per raggiungere questo sogno. Dazn? Non era preparato a dare un servizio ai telespettatori ed è un peccato che Sky sia fuori. Loro devono ancora investire, chi paga e vede quel tipo di servizio qualche domanda se la fa. Spero che accelerino per trovare una soluzione per dare un segnale decente. Sono stato a favore di Sky e forse una collaborazione tra Dazn e Sky sarebbe stato opportuna”.

Precedente Venezia-Torino nella Schedina che assegna 200€ in Buoni Amazon Successivo Osimhen, Immobile, Dzeko e le vie alternative: la Serie A è la più prolifica d'Europa

Lascia un commento