Pogba, il giorno della verità: è rientrato a Torino, attesa per la decisione

Blitz aereo in Francia per il centrocampista bianconero, partito in tarda mattinata e rientrato a Torino nel primo pomeriggio dopo la visita dal luminare Bertrand Sonnery-Cotter

È il giorno della verità per Paul Pogba, volato a Lione per il consulto con Bertrand Sonnery-Cotter, il luminare del ginocchio dal cui parere dipende la scelta terapeutica per modalità e tempi di recupero dalla lesione al menisco del ginocchio destro riportata dal francese nel corso della tournée negli Stati Uniti. Decollato dallo scalo torinese di Caselle attorno alle 11.30 con destinazione Francia, il Polpo è ripartito da Lione attorno alle 15 per atterrare dopo una mezzora a Torino, sbarcato in aeroporto col passo leggermente zoppicante e un sorriso tirato, senza rilasciare dichiarazioni.

Le strade

—  

Per Paul Pogba come noto la prima ipotesi, dopo la visita negli Usa, era di un’operazione di sutura: la rottura è in una zona del menisco molto vascolarizzata e quando c’è sangue in questi casi è necessario suturare. Un intervento risolutivo quasi al cento per cento, ma che ha tempi di recupero più lunghi della meniscectomia: dai 3 ai 5 mesi di stop, che significherebbe per il Polpo addio Qatar e ritorno in campo con la Juve nel 2023. Per questo Paul non si rassegna e considera anche l’asportazione in artroscopia del pezzetto di menisco (tempi più brevi, 40-60 giorni, ma risultati a lungo termine non sicuri) o persino un tentativo di terapia conservativa, rinviando l’intervento.

SERVIZIO IN AGGIORNAMENTO

Precedente Lewandowski-Bayern, pace fatta: "Non dimenticherò mai questo club" Successivo Milan, c'è impazienza per l'esordio contro l'Udinese: due biglietti in palio con i fan token

Lascia un commento