Percassi: “Gasp sta facendo bene all’Atalanta ma certo non è facile lavorare con lui…”

Il presidente del club bergamasco, vincitore del premio Glgs-Ussi Lombardia come personaggio dell’anno, parla del tecnico: “Ormai l’abbiamo capito. Quindi dopo la partita lo lasciamo sfogare e poi sappiamo che il giorno successivo è molto più sereno”

Giornata di festa per Antonio Percassi. Il presidente dell’Atalanta ha parlato dal palco della Sala Gaber del “Pirellone” a Milano, dove ha ricevuto il premio dal Glgs-Ussi Lombardia “Personaggio dell’anno 2019”. Così il numero uno dei bergamaschi su Gian Piero Gasperini: “Ha lavorato bene, siamo legati da altri tre anni, da parte nostra nessun problema. Quanto è difficile lavorare con lui? Eh, non è facile… Però ormai l’abbiamo adottato e soprattutto capito. Quindi dopo la partita lo lasciamo sfogare e poi sappiamo che il giorno successivo è molto più sereno. Ma lui è così e col suo modo di fare stimola giocatori e società in modo significativo. Quando lui dice la sua si fa sentire e non dà la possibilità ai ragazzi di prendere tutto sottogamba”.

Famiglia

—  

Percassi ha ringraziato per il premio, ricordando che è un riconoscimento da dividere con tutta la famiglia Atalanta: “Il nostro obiettivo è proseguire in questa direzione, non cambieremo l’impostazione degli ultimi anni, con gli ultimi tre anni in Champions League. Che è una follia, è pazzesco pensare che l’Atalanta sia arrivata lì. Ma tutto questo è accaduto anche grazie al nostro settore giovanile che per noi è sempre stato importante, credo sia indispensabile per una realtà come la nostra”. L’Atalanta ha anche incassato tanto, oltre 250 milioni negli ultimi 5 anni. “Sì. Ma abbiamo investito anche tanto: questa è la nostra politica e speriamo di continuare”, spiega Percassi che parla anche della prossima gara di Champions contro il Manchester United: “È tutto un sogno…”.

Precedente Inter e Juve hanno lo stesso problema. Come pesano certi errori di mercato... Successivo Roma, l'effetto Mou continua: già 15mila abbonamenti in due giorni

Lascia un commento