Naomi Osaka e l’appello per Shuai Peng: “Sono scioccata. Le mando amore e luce”

Lo scorso 2 novembre la 35enne tennista aveva raccontato, sull’account ufficiale su Weibo, di aver avuto tre anni fa, rapporti sessuali forzati con uno dei politici più potenti della Cina

Cresce sempre più la preoccupazione per le sorti della tennista cinese 35enne Peng Shuai della quale non si hanno più notizie dallo scorso 2 novembre. Proprio quel giorno l’atleta aveva denunciato pubblicamente sul social network Weibo (equivalente cinese di Twitter) di aver subìto violenze sessuali da parte dell’ex vicepremier cinese Zhang Gaoli, uno dei politici più noti e potenti del paese, da qualche anno ritiratosi dalla vita politica. Peng è considerata in Cina una stella del tennis visto che è stata anche ex numero uno al mondo di doppio. A partire dal 4 novembre, la Cina aveva bloccato ogni riferimento a questo messaggio attribuito a Peng e la censura lo ha cancellato dall’internet cinese. Gli screenshot si sono diffusi a macchia d’olio in Cina e da allora, la giocatrice non ha più comunicato o fatto apparizioni pubbliche.

INTERVIENE LA OSAKA – L’ex numero 1 del ranking Wta, Naomi Osaka si è unita agli appelli di tutti gli sportivi e non solo. “Non sono sicura di aver seguito le notizie, ma sono stata recentemente informata di un’amica tennista che è scomparsa poco dopo aver rivelato di essere stata abusata sessualmente. La censura non va mai bene a nessun costo. Sono scioccata dalla situazione attuale e le mando amore e luce”. Con queste parole su Twitter, l’ex campionessa giapponese, quattro volte vincitrice di tornei dello Slam, ha voluto lanciare sui social media l’hashtag #WhereIsPengShuai.

PORTAVOCE GOVERNO – Il governo cinese non ha risposto alle accuse che sono arrivate da tutte le parti del mondo. Un portavoce del ministero degli Esteri, che si occupa dei rapporti con i media internazionali, ha detto ai giornalisti di non essere a conoscenza della situazione. “Non ho sentito parlare della scomparsa di Peng Shuai”, ha detto il portavoce, Zhao Lijian. “Questa non è una questione diplomatica”.

Precedente Monza-Como è il derby più ricco d’Italia: i patrimoni di Berlusconi e Hartono Successivo Sinisa Mihajlovic nominato cittadino onorario di Bologna

Lascia un commento