Matrimonio Dybala e Oriana, chi preparerà la torta e cosa farà Paredes

Manca poco al matrimonio di Paulo Dybala. Il giocatore della Roma sposerà il prossimo 20 luglio Oriana Sabatini, cantante e attrice argentina alla quale è legato da oltre sei anni. Il grande evento si terrà in Argentina, nell’immensa tenuta di Dok Haras. “La cerimonia inizierà molto presto visto che sarà d’inverno (luglio, agosto e settembre sono i mesi più freddi dell’anno in Argentina, ndr) e vorremmo un po’ di sole. Sarò accompagnata all’altare da mio padre e a celebrare l’unione ci sarà lo stesso sacerdote che ha sposato i miei genitori”, ha spiegato la futura moglie di Dybala in un’intervista televisiva. I genitori di Oriana sono Osvaldo Sabatini, attore e imprenditore argentino, e Catherine Fulop, attrice venezuelana. L’ex tennista Gabriela Sabatini è invece la zia di Oriana.

Il ruolo di Paredes al matrimonio di Dybala e Oriana Sabatini

Oriana Sabatini ha svelato che al banchetto di nozze non mancherà il vino di Paredes, compagno di squadra di Dybala nella Roma e nella nazionale argentina. Il centrocampista da qualche tempo ha avviato un business nel settore vinicolo con l’aiuto della Cantina Barberis, a El Sauce, una località di Guaymallén, Mendoza. La torta nuziale sarà invece realizzata da Damian Betular, uno dei più rinomati chef argentini che ha cucinato nella sua lunga carriera per star del calibro di Will Smith e Mick Jagger.

L’addio al nubilato di Oriana Sabatini

Oriana Sabatini ha posto delle condizioni per il suo addio al nubilato: ha chiesto alle amiche di evitare viaggi all’estero. “Hanno pensato di andare in Brasile, in Cile, ma io non voglio più salire sull’aereo. Voglio fare qualcosa qui”, ha spiegato Oriana che per amore di Dybala si è trasferita in Italia ma sente molto la mancanza del suo Paese natale. Per il matrimomio Oriana ha scelto ben 16 damigelle mentre Tiziana Sabatini, la sorella di Oriana che lavora come graphic designer, regalerà agli sposi le fedi nuziali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Precedente Roma, Pellegrini tra crisi, rinascita e quel no alla clausola sul contratto Successivo Lazio, Vecino torna a Roma con una carica in più

Lascia un commento