Magia di Destro, poi il solito Berardi: Sassuolo-Genoa finisce 1-1

L’attaccante del Grifone torna a segnare con un gran colpo di tacco. La squadra di Dionisi nella ripresa produce tanto e trova il pari con il suo capitano

Dal nostro inviato Pierfrancesco Archetti

6 gennaio – Reggio Emilia

Terzo punto per Shevchenko, ancora a secco di vittorie; pareggio con qualche recriminazione per il Sassuolo. La prima partita dell’anno per le due squadre non ha vincitori ma viene nobilitata da Mattia Destro e Domenico Berardi. Sono loro a fornire le emozioni più calde in un gelido match. Il genoano porta avanti i suoi con uno splendido gol di tacco; l’azzurro, protagonista anche in altre occasioni, pareggia nella ripresa con una botta violenta da dentro l’area.

Gol e difesa

—  

La rete di Destro dopo 7’ mette subito in discesa la partita per Shevchenko perché il Genoa può restare basso e cercare di sfruttare il contropiede sugli errori del Sassuolo. Però non sale. I neroverdi gestiscono il possesso ma non arrivano troppo vicino alla porta di Sirigu, cercano di sorprenderlo allora con i tiri da fuori, però le conclusioni di Berardi, Raspadori e Kyriakopoulos non impensieriscono il portiere. I difensori rossoblù non si distraggono nei duelli e il Sassuolo non sfonda.

Rotazioni

—  

Infortuni, positività e mercato hanno rivoluzionato le formazioni: il Sassuolo lamenta nove assenze, tra cui quelle di Scamacca e Frattesi, Dionisi è costretto a sistemare Kyriakopoulos, di solito difensore, esterno alto a sinistra. Il Genoa non è messo tanto meglio, però può presentare forze fresche come il neoacquisto Hefti, laterale destro preso dallo Young Boys, e far tornare almeno in panchina Caicedo e Fares. Entrano nel finale. Vanheusden e Hernani partono titolari, oltre agli infortuni va messa in conto pure la squalifica di Sturaro, ma Portanova dà sostanza in mezzo.

Il pareggio

—  

Quando comincia il secondo tempo, il Sassuolo è più determinato e rapido e il Genoa paga la sua passività. Defrel trova un varco nelle protezioni degli ospiti e arriva davanti a Sirigu ma il portiere respinge l’occasione, quindi l’attaccante calcia sull’esterno della rete il secondo tiro. Ma è soltanto il prologo al pareggio di Berardi che sfrutta una corta respinta in area di Vanheusden. Il Sassuolo insiste ma Defrel, che sbaglia troppo, manda alto pure il possibile raddoppio e Berardi ci prova anche al volo ma non inquadra di poco la porta.

Precedente Maldini: "Botman non è l'unico nome. Il colpo in difesa dipende dal prezzo" Successivo Valencia con il tabù Bernabeu: non batte il Real fuori casa dal 2008

Lascia un commento