Luca Lucci condannato per traffico di droga: 7 anni al capo ultrà del Milan

Per il “tifoso” rossonero, a fine 2021, erano scattate le manette degli uomini della squadra mobile della questura di Milano. In molti ricorderanno la celebre foto scattata in compagnia dell’ex ministro degli interni Matteo Salvini nel 2018

Il capo ultrà della Curva Sud rossonera, Luca Lucci è stato condannato a 7 anni di reclusione per traffico di droga. Dalle indagini preliminari, svolte dal pm Leonardo Lesti, era emerso che Lucci sarebbe stato al vertice di un’organizzazione che aveva instaurato relazioni con narcotrafficanti del Brasile e del Marocco. L’attività illecita è stata pianificata, però, senza mai partecipare attivamente, ma “impartendo direttive attraverso il software Encrochat, installato su un telefono cellulare” utilizzando “un’utenza telefonica olandese”. Come scritto nell’ordinanza del gip Fabrizio Filice, il capo della Curva Sud, era registrato sul sistema criptato di chat con il nickname ‘belvaitalia’,

La decisione

—  

Il gup di Milano Chiara Valori, nel processo con rito abbreviato, ha deciso di condannare Lucci sulla base degli elementi raccolti dalla Procura, mentre altri tre imputati coinvolti hanno patteggiato pene comprese tra i 2 anni e 4 mesi e i 3 anni e 4 mesi.

L’episodio

—  

Nel 2018 si ricorda la celebre foto, scattata in occasione della festa della Curva Sud all’Arena di Milano, che ritraeva lo stesso Lucci in compagnia di Matteo Salvini, all’epoca Ministro degli Interni. Quel saluto scatenò molte polemiche. Il capo ultrà milanista finì poi in carcere lo scorso dicembre perché sospettato di traffico di droga.

Precedente Diretta/ Pescara Gubbio (risultato finale 2-2) Pontisso completa la rimonta Successivo Sempre più stelle e strisce nei fan token: accordo anche con la Mls

Lascia un commento