L’inter e la trappola della sosta

MILANO – La sosta per le Nazionali finora si è rivelata una trappola per l’Inter di Simone Inzaghi. Al rientro dalle precedenti due pause i nerazzurri hanno portato a casa un pareggio con la Sampdoria ed una sonora sconfitta con la Lazio: la sfida col Napoli di domenica 21 rischia di diventare un incubo. Anche perché, come nei due precedenti casi, il tecnico interista avrà di nuovo tutto il gruppo a disposizione solo il venerdì, a due giorni dalla partita. L’obiettivo numero uno è riavere tutti i giocatori andati in giro per il mondo sani come sono partiti. O almeno non peggiorati: e qui si apre il capitolo Dzeko. La Bosnia ha chiamato Kenan Kodro, attaccante, proprio perché non si sa se il problema al flessore del 9 nerazzurro portà permettergli di giocare. Ma l’importanza delle sfide qualificazione giustificherebbero (almeno per i bosniaci) il suo utilizzo: si dovrà attendere per sapere le condizioni in cui Dzeko tornerà a Milano. Intanto Inzaghi è tornato a lavoro alla Pinetina con undici giocatori a disposizione: Darmian e Dimarco si candidano a possibili titolari contro il Napoli, mentre Sensi sarà l’osservato speciale. Se darà le giuste garanzie, potrebbe essere chiamato a dare respiro a Brozovic.

Milan-Inter 1-1: pari e rimpianti per Pioli e Inzaghi

Guarda la gallery

Milan-Inter 1-1: pari e rimpianti per Pioli e Inzaghi

Precedente Roma, Mourinho vuole un centrocampista: se salta Zakaria c’è una nuova idea Successivo Portogallo-Serbia vale il girone. Lusitani mai sconfitti nei precedenti

Lascia un commento