L’ex calciatore Emanuele Panizza è morto nell’incendio scoppiato nella sua casa ad Alessandria

Un tragico incendio avvenuto ieri sera, domenica 17 marzo, in un’abitazione a Valmadonna, frazione di Alessandria, ha causato la perdita di una vita e il ferimento di altre due persone. La vittima dell’incendio è Emanuele Panizza, 58 anni, ex difensore dell’Alessandria Calcio tra il 1983 e il 1988 in Serie C2. Conosciuto affettuosamente come ‘Lele’ dai cittadini della zona, Panizza ha lasciato un segno indelebile nel cuore della comunità calcistica.

Dopo la sua carriera da calciatore, che ha visto Panizza militare anche in squadre come Derthona e Valenzana, ha continuato a condividere la sua passione per il calcio organizzando stage per giovani talenti. La sua presenza nel mondo del calcio è stata ancora viva fino all’estate del 2023, quando ha partecipato all’ultimo match delle vecchie glorie. La notizia della sua drammatica scomparsa ha scosso profondamente amici e tifosi dei ‘Grigi’, che lo ricordano con amore e commozione. La pagina Facebook ufficiale dell’Alessandria Calcio è stata invasa dai messaggi di cordoglio: “Indossare i nostri colori non è da tutti, lo sappiamo. Tu ne sei stato ampiamente degno. Ciao Lele”.

Nell’incidente di ieri sera, altre due persone sono rimaste intossicate e sono state trasportate in ospedale per ricevere cure mediche. Le operazioni di soccorso e messa in sicurezza sono state condotte con tempestività dalle autorità competenti, compresi i carabinieri, i vigili del fuoco e il personale del 118.

Precedente Gli Oscar della domenica sportiva: da Bettiol alla Brignone, ma anche l’Italia del rugby e Sinner Successivo Di Canio: Juve, Allegri inizia ad avere paura. E sul tridente è prevenuto

Lascia un commento