Lazio, stangata per Sarri: due giornate di squalifica

ROMA – Arriva la decisione del Giudice Sportivo in merito all’espulsione di Maurizio Sarri nel post partita di Milan-Lazio. Due giornate di squalifica per il tecnico biancoceleste. La nota del Giudice, Gerardo Mastrandrea, recita: “Due giornate per aver, al termine della gara, sul terreno di gioco, cercato uno scontro verbale con un calciatore della squadra avversaria, assumendo un atteggiamento intimidatorio e inveendo contro il medesimo con parole minacciose (prima giornata); nonché successivamente al provvedimento di espulsione, per avere, nel tunnel che adduce agli spogliatoi, contestato la decisione arbitrale proferendo espressioni blasfeme (seconda giornata)”. Il tecnico della Lazio, al triplice fischio dell’arbitro Chiffi, era entrato in campo per prendersela con Saelemaekers: “Devi portare rispetto!”, la frase urlata contro il giocatore rossonero. Poi nel post partita la spiegazione: “Mi ha fatto un gesto che a persone più anziane non si fa. Poi, però, si è risolto tutto perché Ibrahimovic l’ha portato a chiedere scusa”. Sarri non sarà in panchina contro Cagliari e Torino. Rientrerà per il derby del 26 settembre.

Milan-Lazio, la rabbia di Sarri a fine partita

Guarda la gallery

Milan-Lazio, la rabbia di Sarri a fine partita

MisterCalcioCup “Torneo a Gironi”, crea la tua squadra ora

Precedente Milan, i convocati di Pioli per il Liverpool: out Ibrahimovic Successivo Spezia, ecco Manaj: "Salvezza difficile, ma possibile"

Lascia un commento