Lazio, la notte buia di Immobile. Ma servono i gol di tutti

ROMASerata stregata, intrappolato nella morsa di Rrahmani e Kim. Una sorta di legge del contrappasso: il sudcoreano, non solo l’ha fermato, ma anche firmato di testa il gol del momentaneo pareggio. L’unico difensore che ha già bissato i timbri nel campionato appena iniziato. Ciro Immobile è rimasto all’asciutto, si rimane sempre stupiti se succede a un attaccante coi suoi numeri. Soprattutto se viene anestetizzato come successo nei 90 minuti col Napoli: un solo tiro in tutta la partita, non ha mai avuto l’occasione di colpire, di mettere a referto una stoccata. Nell’area di rigore avversaria 4 tocchi contati, è un altro dato che fotografa la faticaccia di ieri all’Olimpico. Il sorriso in attacco è quello sul volto di Zaccagni, in grado di sbloccare la partita dopo una manciata di minuti. Prima rete in questo campionato, la 14esima in Serie A contando anche quelle realizzate con la maglia del Verona. È stato la sua seconda da fuori area, non era mai stato così veloce in carriera (3 minuti e 28 secondi). Stop e tiro infilato all’angolino, buono soltanto per le statistiche personali visto il risultato finale.

Kim e Kvaratskhelia piegano la Lazio: festa Napoli all'Olimpico

Guarda la gallery

Kim e Kvaratskhelia piegano la Lazio: festa Napoli all’Olimpico

Bocca asciutta

Quelle di Immobile al triplice fischio sono state impietose al netto del solito impegno profuso. Ha corso, si è dannato l’anima, di tutta la Lazio il solo Milinkovic si è reso protagonista di più contrasti. Sono stati 14 da parte del Sergente, 10 quelli del bomber. Purtroppo è mancata la lucidità e la precisione. Poteva gestire meglio un paio di ripartenze pericolose, nel finale è stato bloccato nel tentativo di dribbling al limite, c’era Pedro da servire sulla corsa alla sua sinistra. Non è stata proprio la sua serata, disinnescato anche nella ricerca della profondità. Non ha trovato lo spazio per attaccare la porta di Meret e provare a impensierirlo con una delle sue doti migliori. La Lazio ha bisogno di distribuire i suoi gol, Immobile non può reggere da solo tutto il peso dell’attacco. Un buon segnale, in questo senso, è arrivato proprio dalla conclusione a dama di Zaccagni, terzo esterno biancoceleste a siglare un gol in queste prime cinque giornate. Felipe Anderson si era sbloccato nel big match con l’Inter, stesso discorso per Pedro, sganciato in corso d’opera coi nerazzurri e incisivo nella parte finale di gara. Zaccagni si è aggiunto ieri sera, servito proprio dall’esterno opposto. Immobile è rimasto a quota 2.

Infermeria

A fine partita il medico sociale Rodia ha parlato del colpo alla testa ricevuto nel primo tempo da Marusic (scontro aereo con Lozano, uscito in barella): «Adam ha riportato un trauma contusivo, una ferita lacera nella regione frontale. Nella ripresa abbiamo applicato alcuni punti di sutura per farlo riprendere nel gioco», ha detto a Lazio Style Channel. «Nessun problema per gli altri calciatori della rosa: «Abbiamo gestito Felipe Anderson in questi giorni (era stato colpito duro alla caviglia a Marassi) e anche la situazione di Romagnoli e Pedro che hanno risposto bene. Patric? Semplice trauma contusivo».

Il Napoli espugna l'Olimpico. Il Milan si aggiudica il derby

Guarda il video

Il Napoli espugna l’Olimpico. Il Milan si aggiudica il derby

Iscriviti al Fantacampionato del Corriere dello Sport: Mister Calcio CUP

Precedente Entusiasmo alle stelle per Napoli-Liverpool: verso il sold out al Maradona Successivo Champions League, gli arbitri: Taylor per la Juve, Jovanovic per il Milan

Lascia un commento