La Spagna chiama a raccolta i suoi tifosi inglesi: “C’è bisogno di voi!”

La federcalcio spagnola mobilita i sostenitori residenti in Inghilterra in vista della semifinale con l’Italia a Wembley: “E’ arrivato il vostro momento”

L’invito, anzi una vera e propria chiamata pubblica alle armi, è arrivato direttamente dalla federcalcio spagnola (Rfef): “Spagnoli che siete in Inghilterra, abbiamo bisogno di voi!”. Scritto a caratteri cubitali e accompagnato da altre due frasi motivazionali: “Vogliamo sentirvi martedì” e “Di fronte all’impossibilità di viaggiare dalla Spagna, è arrivato il vostro momento”. Potrebbe dare l’idea di un’iniziativa un po’ “provinciale” dal momento che parliamo della semifinale degli Europei, ma il contesto è decisamente particolare e ogni risorsa è buona per scaldare l’ambiente.

Incidenza

—  

Si sa, Londra e l’Inghilterra di questi tempi sono fra i posti meno “maneggiabili” d’Europa in termini di logistica a causa della variante Delta del Covid. Certo, il premier Johnson oggi sentenzierà davanti alla nazione che dal 19 luglio da quelle parti cadranno tutte le restrizioni (comprese le mascherine al chiuso e i distanziamenti), perché il numero di contagi è elevato ma l’incidenza di morti e ricoveri non sale. Però Londra resta zona off limits per i tifosi che non risiedono in Inghilterra. Vale per gli italiani come per gli spagnoli. E dire che in occasione degli ultimi tre atti del torneo (semifinali e finale) Wembley allargherà la propria capienza fino a 60 mila spettatori.

Quota

—  

I prezzi ufficiali di Italia-Spagna sono stabiliti in tre fasce: oltre 600 euro quello di categoria più elevata, 200 i più economici. L’Uefa ha destinato una quota di 6.500 ticket esclusivamente ai fan azzurri residenti in Regno Unito e Irlanda. L’apertura delle vendite è iniziata ieri sul portale della Uefa. Per entrare allo stadio bisognerà mostrare la prova della doppia vaccinazione attraverso l’App del servizio sanitario, oppure effettuare un test rapido con la risposta entro 45 minuti. Ci sono diversi centri dove si effettua gratis, a Londra: quello del centro civico Brent è a cento metri dallo stadio.

Precedente Gattuso: “Razzista? Sono vittima dell'odio da tastiera. Commisso non l'ho mai incontrato” Successivo Azpilicueta: “Attacchiamo, dominiamo, segneremo. Ma quest’Italia è tosta”

Lascia un commento