Juve, rebus in mezzo: la formazione con la Roma la fanno i rientri dei nazionali

Non preoccupa McKennie, rimasto fuori dall’ultima partita con gli Stati Uniti, ma insieme ai sudamericani rientrerà a Torino solo venerdì sera. Così Kulusevski e Ramsey provano a giocarsi le loro carte per una maglia a centrocampo

Già l’espulsione di Leonardo Bonucci in semifinale di Nations League aveva liberato in anticipo il difensore bianconero dagli impegni con la Nazionale: tra il match saltato col Belgio, i soli 42 minuti con la Spagna e lo stop per turnover già prima della sosta nel derby, il centrale azzurro arriva fresco alla ripresa del campionato, pronto per un posto da titolare domenica sera con la Roma. Così come Dejan Kulusevski, che dopo l’ammonizione di sabato contro il Kosovo salterà Svezia-Grecia di domani sera, anticipando il ritorno alla Juve. Ci si aggrappa anche a questo per disegnare la formazione bianconera alla ripresa del campionato perché, seppur con maggiore margine rispetto a Napoli-Juve (stavolta i sudamericani ci saranno), anche con la Roma almeno in parte le scelte dipenderanno dai tempi di rientro e dalle condizioni dei nazionali. Non preoccupa il forfeit per un guaio muscolare di McKennie contro Panama, è già in programma che possa essere in campo per l’ultima partita del trittico Usa contro la Costa Rica.

CHI RIENTRA QUANDO

—  

Dopo l’amichevole di sabato contro l’Alessandria, Massimiliano Allegri ha deciso due giorni di riposo per la Juventus, anche se qualcuno alla Continassa ha continuato a svolgere lavoro individuale. Oltre a Perin, Pinsoglio, De Sciglio, Pellegrini e Rugani, erano rimasti a Torino Paulo Dybala, Arthur e Kaio Jorge, con vista su un impiego con la Roma: si va verso la panchina per tutti (Morata neanche quella: out sicuro, come Rabiot per Covid). Alla ripresa domani Allegri ritrova anche i sei azzurri (Bernardeschi, Chiellini, Chiesa, Kean e Locatelli, oltre a Bonucci), De Ligt e Ramsey faranno rientro a Torino nella giornata di domani e Szczesny in quella di martedì. McKennie, seppur in campo mercoledì sera, sarà invece di ritorno a Torino venerdì sera con un volo insieme ai sudamericani (Bentancur, Cuadrado, Danilo, Alex Sandro), che significa averli solo sabato in allenamento.

SCELTE CONTATE

—  

Non è poi solo questione di tempi di rientro (ce la fanno tutti, magari non per giocare 90’) ma anche di come tornano. McKennie, Bentancur e Cuadrado probabilmente dopo aver giocato due partite su tre: l’americano è atteso al rientro con la Costa Rica dopo aver saltato Panama, come Cuadrado (fuori col Brasile) con l’Ecuador e Bentancur (squalificato con l’Argentina) contro il Brasile. La tranquillità di classifica può spingere il Brasile a tenere a riposo almeno uno tra Alex Sandro (già in panca col Venezuela) o più probabilmente Danilo (fin qui due gare su due). Con Chiesa avanzato di fianco a Kean se Dybala partirà dalla panchina, Bernardeschi è favorito d’obbligo in fascia. Difficile pensare ai quattro sudamericani tutti titolari, così attorno all’unica certezza Locatelli, almeno una se non due maglie in mediana sono in palio: Kulusevski (in campo stasera), Ramsey (domani) e anche McKennie (mercoledì) provano a giocarsi la carta della freschezza per guadagnarsi una chance.

Precedente L'Inghilterra sfida in casa l'Ungheria Successivo Ligabue: "Ho visto un'Inter più bella dell'anno scorso. Le altre però..."

Lascia un commento