Juve, la rabbia dei tifosi per il caro abbonamenti, tra mercato e prezzi: le ragioni

Lunedì al via la campagna per la nuova stagione dopo lo stop per la pandemia: c’è chi mette in vendita la propria tessera, tante proteste per gli incrementi. Che riguardano alcuni settori dello stadio interessati da un aumento dei servizi offerti

L’apertura lunedì della campagna abbonamenti della Juventus, che torna per la prima volta dopo la pandemia, è stata anticipata da un’accoglienza social molto calda, e non nel senso dell’entusiasmo. Ad agitare gli animi sono gli aumenti di prezzi che hanno scatenato le polemiche dei tifosi, anche in confronto ai costi sostenuti altrove: i 650 euro per una curva nel secondo anello o 675 al primo anello sono più del doppio rispetto ai posti analoghi per un tifoso dell’Inter o del Milan.

PERCHÉ NO

—  

Quando di mezzo c’è l’umore dei tifosi entrano in gioco tanti fattori. Pesa il fatto che al momento non sono ancora stati ufficializzati colpi di mercato a scaldare la piazza: uno bello grosso che riuscirebbe a farlo, il ritorno di Paul Pogba, pare in realtà solo questione di formalità, ma un altro come Di Maria, prima trattato e ora a rischio di saltare, rischia di sortire l’effetto opposto.

E poi, oltre all’amarezza per come sono andate le ultime due stagioni e dunque per il ciclo che sta attraversando la Juve anche a livello di risultati, nel calderone del malcontento finiscono anche le critiche per Massimiliano Allegri e per lo spettacolo offerto, a prescindere o quasi da quali saranno i giocatori in campo. Così l’aumento dei prezzi, o almeno di una loro parte, sui gruppi social dedicati in particolare ai club organizzati ha portato alcuni tifosi a mettere sul mercato la loro tessera.

LE RAGIONI

—  

Considerando tutti i settori dell’Allianz Stadium, gli aumenti sono quantificabili attorno al 6,2 per cento: in linea se non leggermente inferiore alla media di incremento dei prezzi (attorno al 7 per cento) che c’era a ogni campagna abbonamenti prima della pandemia. Gli aumenti non riguardano però tutte le zone dell’impianto e neanche macro settori (tutta una curva o tutta una tribuna) ma settori più piccoli: la politica è legata all’aggiunta di alcuni servizi in quella particolare porzione dello stadio, come per esempio l’attività di animazione prepartita. Per questo ad esempio i costi di un abbonamento per la tribuna Family vanno da 1280 a 1400 euro. Gli abbonamenti più esosi sono la tribuna ovest Comfort a 2700 euro, la tribuna est centrale da 2450/2560 euro nel primo anello o 1450/1590 nel secondo. I prezzi più bassi sono quelli citati delle curve. Il voucher riservato agli abbonati 2019-20 se non ancora utilizzato coprirà comunque l’incremento dei prezzi.

Precedente Mancini mette Scamacca al centro dell’Italia: tridente con Raspadori e Pellegrini Successivo "Calciatore di un top club di Bundesliga arrestato ad Ibiza per violenza sessuale"

Lascia un commento