Jasmin Handanovic: “La forza di Samir è nella testa. Non lascerà il posto a Onana”

L’ex portiere di Empoli e Mantova: “Contro i toscani l’Inter deve partire forte. Ho sempre invidiato il cervello di mio cugino, tra concentrazione e determinazione. Quando perde sta male, sarà una bella concorrenza tra i pali. E in futuro lo vedo allenatore”

È guardando Jasmin che il cugino minore Samir, innamorato, ha scelto di giocare tra i pali. “Tra cane e bimbi, sono le 20 e dobbiamo ancora mangiare. Loro si allenano, io alleno”. Jasmin Handanovic si è ritirato da meno di un anno dopo 10 stagioni consecutive al Maribor. Ora è rimasto ai gialloviola con un ruolo da allenatore dei portieri delle giovanili: “Quando giochi è più facile. Arrivi al campo e ti alleni, poi devi solo pensare all’alimentazione. Da tecnico ci sono molte più complicazioni”.

Precedente Abraham di testa fa sognare la Roma: Mou in finale di Conference, sfiderà il Feyenoord Successivo Abraham: “La finale è un sogno che si realizza”

Lascia un commento