Isl, in tribuna alla Scandone un tifoso speciale: c’è Bryan Reynolds della Roma





<!—-> <!—-> <!–

<!– –>


La Isl riparte: Le Clos, mister butterfly. E il difensore della Roma Reynolds fa il tifo alla Scandone. Bomber Orsi sprint da 21″26, secondo come la Pilato | Questione di Stile

desktop

//js2.gazzettaobjects.it//notifiche/global_notifications.json

https://www.gazzetta.it/notifiche/global_notifications.json

<span class=”notification”></span>

02 settembre 2021

Benedetta Pilato

Benedetta Pilato

La settimana numero due dell’Isl vede il debutto di London Roar e Iron Budapest. Il via tocca, come sempre, dai 100 farfalla: a vincerli sono la bielorussa Shkurdai in 56″76, con l’ex iridata azzurra Ilaria Bianchi sesta per i London Roar in 58″03, e tra gli uomini con un vincitore annunciato come Chad Le Clos, autore di 49″75, l’unico sotto i 50″. Dalla doppietta Energy Standard a quella dei London Roar con l’australiana Minna Atherton (2’01″98) e l’olandese Kira Toussaint (2’04″86). Lorenzo Mora, a difendere gli Iron Budapest, in 1’54″41 è sesto nei 200 dorso vinti dal britannico Luke Grrenbank (1’50″15). Mora detiene il primato italiano in 1’50″45.

Bryan Reynolds alla Scandone per l'Isl

Bryan Reynolds alla Scandone per l’Isl

Intanto in tribuna si segnala la presenza del forte difensore della Rome e della nazionale Usa, Bryan Reynolds. Con tanti americani in acqua, sicuramente un supporto in più…Il ventenne difensore di Mourinho dice: “E’ la prima volta che sono a Napoli – racconta il giocatore – Il tempo di visitare il lungomare e siamo venuti subito in piscina. L’atmosfera è bella anche se non sono particolarmente esperto. Sono a Napoli con amici nel mio giorno di vacanza e la città è molto bella”. A pochi passi dalla Scandone c’è lo stadio Maradona. “Davvero? Mi farò portare. Spero di essere protagonista quest’anno con la mia Roma. Timore dello stadio di Maradona? No, è il mio lavoro”. Reynolds ha seguito tutta la serata facendo il tifo per i nuotatori impegnati, da Sarah Sjoestrom a Benedetta Pilato, da Chad Le Clos ad Arno Kamminga.

Da un calciatore vero al Bomber del nuoto, Marco Orsi, in lizza per gli Iron Budapest: il bolognese nei 50 sl ritrova lo sprint giusto, secondo in 21″26 dietro Ben Proud, autore di 20″86. L’allievo di Odaldi ha un record italiano di 20″69. E la deb bolognese Costanza Cocconcelli per 4 centesimi non migliora il personale nei 50 sl rosa vinti dalla ritrovata Sarah Sjostrom, che ha 23″ netti di record e tocca in 23″16 davanti alla primatista mondiale Ranomi Kromowidjojo. Duncan Scott si distende anche nei 200 misti vinti in 1’52″63 (ha un personale di 1’52″66). Ci sono solo 7 centesimi tra Benny Pilato e Alia Atkinson, la giamaicana primatista del mondo in vasca corta (28″56) contro la primatista mondiale in vasca lunga ed europea in corta (28″81). Finisce 29″73-29″80 ma è stato un tiratissimo confronto. Benny sarà seconda anche nella staffetta mi sta di Energy Standard 2 con una frazione da 1’05″07. Nei 50 rana maschili, Ilya Shimanovich fa tremare il record europeo di Emre Sakci (25″29) ma intanto lo batte in 25″41. Nei 50 dorso della primatista mondiale Kira Toussaint, sesto posto per l’azzurra Silvia Scalia in 27″. Marco De Tullio è quarto in 3’46″23 nei 400 sl vinti dal nuovo talento australiano Brendon Smith (3’40″41). In classifica gli Energy Standard precedono con 341 puti i London Roar 214, terzi gli iron di Marco Orsi con 181.5.

UOMINI – 50 sl: Proud (GB/ES) 20″86, Orsi (Iro) 21″26, De Boer (Ola/Iro) 21″32.

400 sl: B. Smith (Aus/NY) 3’40″41, Melo (Bra/Iro) 3’46″52, Zirk (Est/ES) 3’45″56, 4. M. De Tullio (ES) 3’46″23.

200 dorso: Greenbank (Gb/Lon) 1’50″15, Diener (Ger/Lon) 1’51″28, Glinta (Rom/Iro) 1’52″94, 4. Kolesnikov (Rus/ES) 1’53″92, 6. Mora (Iro) 1’54″41.

50 rana: Shymanovich (Bie/ES) 25″41, Sakci (Tur/ES) 26″06, Lima (Bra/ES) 26″12.

200 rana: Persson (Sve/Iro) 2’04″66, Shymanovich (Bie(ES) 2’04″78, Koch (Ger/NY) 2’05″26.

100 farfalla: Le Clos (Saf (ES) 49″75 (23″23), Lanza (Bra, Lon) 50″07, Majerski (Pol/NY) 50″14.

200 mx: Scott (GB/Lon) 1’52″63, L.Santos (Bra/Iro) 1’53″55, Lanza (Bra/Lon) 1’53″96.

4×100 sl: New York Breakers 3’07″02 (Whittle 47″35, Pijnenburg 46″84, Kraska 46″46, Temple 46″37), London Roar 3’07″62, Energy Standard 3’07″63, 6. Iron 3’12″11 (2a f. Orsi 46″89).

4×100 mx: Energy Standard 3’24″05 (Kolesnikov 50″24, Shymanovich 56″23, Le Clos 49″60, Mignon 47″98), London Roar 3’24″63 (Guido 49″69, Murdoch 58″94, Lanza 50″17, Scott 45″83), NY Breakers 3’25″62.

Benedetta Pilato

Benedetta Pilato

DONNE – 50 sl: Sjostrom (Sve/ES) 23″17, Haughey (H-K/ES) 23″80, Kromowidjojo (Ola/Iro) 24″04, 7. Cocconcelli (Iro) 24″89.

400 sl: Haughey (H-K/ES) 4’02″59, Seemanova (R.Cec/Iro) 4’03″22, Rosendahl Bach (Dan/ES) 4’05″97.

50 dorso: Toussaint (Ola/Lon) 26″28, Tchorz (Pol/NY) 26″63, Atherton (Aus/Lon) 26″76, 6. Scalia 27″00.

200 dorso: Atherton (Aus/Lon) 2’01″98, Toussaint (Ola/Lon) 2’04″86, Harvey (Can/ES) 2’04″91.

50 rana: Atkinson (Giam/Lon) 29″73, Pilato 29″80, Hulkko (Fin/Iro) 29″98.

200 rana: Chikunova (Rus/ES) 2’17″82, Lazor (Usa/Lon) 2’20″19, Strauch (Gb/Iro) 2’20″50.

100 farfalla: Shkurdai (Bie/ES) 56″53, Wattel (Fra/Lon) 56″76, Chimrova (Rus(NY) 56″83, 6. Bianchi (Lon) 58″03 (26″90).

200 mx: Wood (Gb/NY) 2’05″98, Harvey (Can/ES) 2’07″03, Ugolkova (Svi/Iro) 2’08″22.

4×100 sl: Energy Standard 3’31″23 (Haughey 51″65, Banic 53″93, Teijonsalo 52″70, Sjostrom 52″95), London Roar 3’33″75, New York Breaker 3’33″78, 4. Iron Budapest 3’33″93 (2a f.Cocconcelli 54″15).

4×100 mx: Energy Standard 3’48″43 (Harvey 57″04, Chkunova 1’04″27, Shkudai 56″08, Sjostrom 51″04), 2. Energy Standard 2 3’52″47 (2a f. Pilato 1’05″07).

Classifica 1a giornata 3° match: 1. Energy Standard 341.0, 2. London Roar 214.0, 3. Iron Budapest 181.5, 4. New York Breakers 160.5.

Benedetta Pilato

Benedetta Pilato

Condividi questo post:

Condividi:

Precedente Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 2 settembre Successivo Le scelte dell’Inter per la Champions: dalla lista esclusi in tre

Lascia un commento