Inter: Mastercard nuovo partner di maglia della squadra femminile

L’azienda leader nei pagamenti globali era già partner del club dal 2018. “Insieme per condividere i valori di uguaglianza e inclusività”, ha detto il ceo nerazzurro Alessandro Antonello

Il campionato è fermo per gli impegni della Nazionale nelle qualificazioni mondiali (il 26 novembre a Palermo con la Svizzera, il 30 in casa della Romania) ma il movimento del calcio femminile continua nella sua opera di promozione per l’uguaglianza di genere. A questo proposito l’Inter ha deciso di estendere la partnership con Mastercard, già partner del club nerazzurro dal 2018, anche all’area femminile. Così, l’azienda leader nei pagamenti globali apparirà sulle maglie delle nerazzurre in occasione delle partite di Campionato e Coppa Italia e collaborerà con il club nerazzurro nell’organizzazione di diverse iniziative che, grazie al coinvolgimento di diversi ambassador, permetteranno di promuovere il tema dell’empowerment femminile, trattando temi come la diversità, l’inclusione e il fair play – dentro e fuori dal campo – e ispirando le nuove generazioni.

Uguaglianza e inclusività

—  

“È con grande soddisfazione che annunciamo questo nuovo accordo di partnership con Mastercard, global brand da sempre presente nel mondo del calcio internazionale e impegnato nel sostegno allo sviluppo del settore femminile”, le parole di Alessandro Antonello, ceo corporate nerazzurro. “Mastercard condivide con l’Inter i valori di uguaglianza e inclusività e siamo perciò felici di vedere un marchio così simile a noi sulle maglie delle nostre calciatrici”. “Siamo felici di essere a fianco di Inter Women – ha dichiarato Michele Centemero, country manager Italia di Mastercard – e di poter offrire il nostro contributo per implementare programmi sostenibili fondati sul lavoro di squadra, sulla sportività e sull’inclusione a cui possano aspirare ragazze e donne in tutto il mondo».

Precedente Mertens: "Napoli, dobbiamo sognare lo scudetto" Successivo Il peso di Ibra, la voglia di Giroud: chi è il centravanti giusto per Firenze?

Lascia un commento