Incidenti in Marsiglia-Galatasaray: 5 arresti e 3 agenti feriti

MARSIGLIA (Francia) – Cinque tifosi, tre turchi e due marsigliesi, sono stati arrestati dopo gli incidenti di ieri sera, giovedì, durante la partita di Europa League Olympique Marsiglia-Galatasaray, valida per lo stesso gruppo della Lazio e finita 0-0 allo stadio Vélodrome. L’accusa nei confronti dei cinque è di possesso e uso di congegni pirotecnici. Il capo della polizia del dipartimento Bocche del Rodano, da cui dipende il Marsiglia, si è rammaricato, in un tweet, che ci siano voluti “550 agenti di polizia per una partita di calcio. Tre di loro sono rimasti feriti, hanno il mio pieno sostegno“. L’incontro è stati interrotto per otto minuti poco prima della fine del primo tempo, quando sono stati lanciati petardi e fumogeni sul terreno di gioco.

Gli scontri del Vélodrome

Un fumogeno, in particolare, ha investito un addetto alla sicurezza e un altro ha raggiunto la curva nord del Vélodrome, dove si trovano diversi gruppi di sostenitori del Marsiglia. Sono stati esplosi inoltre svariati petardi e sono seguite alcune provocazioni tra tifosi turchi e marsigliesi. Dopo un secondo tempo tranquillo i tifosi del Galatasaray sono stati invitati a rimanere nella loro area al termine della partita. Poi però sono stati registrati altri disordini. Ai tifosi del Galatasaray non è stato permesso viaggiare da Istanbul a Marsiglia, ma la squadra turca ha un gran numero di sostenitori che risiedono in tutta Europa. Con i supporter del Galatasaray c’erano stati problemi anche prima della partita e le forze dell’ordine avevano fatto anche uso di lacrimogeni. La Lazio affronterà il Marsiglia il 21 ottobre a Roma e il 4 novembre in Francia mentre se la vedrà con i turchi, nella Capitale, il 9 dicembre.

Precedente Mancini avvisa l'Italia: "Ogni partita è un esame" Successivo LIVE TMW - Castori: "Crescita evidente, i panni sporchi si lavano in famiglia"

Lascia un commento