Mancini avvisa l’Italia: “Ogni partita è un esame”

ROMA – L’Italia mercoledì sfida la Spagna al Meazza nella semifinale di Nations League. Il Ct Roberto Mancini, assoluto protagonista del successo azzurro agli Europei a 53 anni di distanza dalla prima volta, parlando al forum “Rinascita Italia: The Young Hope – La scuola Fino a Prova Contraria”, ha detto: “Abbiamo avuto più difficoltà al primo raduno dopo l’Europeo, ora  i ragazzi hanno giocato diverse partite e stanno tutti meglio. Speriamo di fare una buona semifinale e se possibile anche una buona finale. Sono le quattro migliori europee, per noi è importante la Nations League. Nuovi innesti? Ce ne sono tanti di giovani, bisogna dare la possibilità a tutti i ragazzi di potersi esprimere. Essendo giovani, di errori se ne possono fare. Abbiamo il problema che le partite coincidono con l’Under 21 ed è importante anche per la qualificazione alle Olimpiadi. In Italia poi ogni partita è un esame, puoi vincere un europeo o un mondiale ma la partita dopo devi vincere ed è giusto così. I ragazzi però hanno fatto tutto bene finora”.

Mancini sui Mondiali ogni due anni e Donnarumma

Il Ct, a proposito della proposta di far giocare i Mondiali ogni due anni, ha detto: “Non voglio dire di no o di sì, ma il Mondiale è una cosa talmente straordinaria che aspettarlo quattro anni diventava un’emozione. Farlo ogni due, c’è il rischio che diventi una cosa normale”. Mancini è anche intervenuto poi sul caso Donnarumma. Il portiere ex Milan fatica a trovare spazio al Psg, ma il Ct non ha dubbi: “Ha fatto una grande partita in Champions (contro il City, ndr), è il più grande portiere del mondo in questo momento e sebbene al Psg ci sia un altro grande portiere (Navas, ndr) non credo resterà ancora a lungo in panchina. Penso che possa aiutare il Psg a vincere la Champions”, ha aggiunto Mancini, sottolineando che il fatto che l’ex portiere rossonero non giochi titolare con continuità “non credo sia un problema per la Nazionale”

Mancini e l’augurio all’Italia e agli italiani

“È stata un’estate meravigliosa a livello sportivo – continua Mancini -, l’Italia difficilmente sbaglia e noi siamo stati davvero felici per aver riempito di gioia tutti gli italiani. All’Italia auguro di tornare alla normalità, che i giovani tornino a scuola e che il Paese riparta alla grande anche grazie alla spinta dello sport di questa estate”. Ricordando le imprese degli azzurri negli altri sport, il ct azzurro ha aggiunto: “Alle Olimpiadi di Tokyo mi hanno emozionato i cento metri, il salto in alto, la staffetta, dove abbiamo sempre avuto grandi difficoltà. Vederle vincere così è stata una grande emozione, ma al pari delle altre medaglie e della pallavolo campione d’Europa con le due nazionali”.

Precedente Roma, Darboe torna a brillare. Ora sogna un posto con l’Empoli, Mou ci pensa Successivo Incidenti in Marsiglia-Galatasaray: 5 arresti e 3 agenti feriti

Lascia un commento