Il Valencia sogna l’impresa col Real. Ma Zidane non può fermarsi. E Benzema…

Il club di Madrid non perde entrambe le sfide stagionali contro il club del Mestalla dal 1967/68. I Blancos vogliono proseguire nella sua difficile rincorsa all’Atletico

Il Real Madrid prova a rimanere in qualche modo aggrappato all’Atletico, a +6 e con due partite in meno rispetto ai Blancos. Una corsa complicata per Zidane, che nell’ultimo turno ha rosicchiato due punti a Simeone (fermato in casa dal Celta Vigo) e che è ripartito in campionato con due vittorie consecutive (tre nelle ultime quattro) dopo un periodo molto complicato, con anche le sconfitte in Supercoppa contro l’Athletic e in Coppa del Re contro l’Alcoyano. Nel prossimo turno a Valdebebas arriva il Valencia, che sta attraversando un momento decisamente delicato e che deve guardarsi alle spalle: il terz’ultimo posto è distante solamente quattro punti, c’è un foltissimo gruppo di squadre che lottano nelle zone caldissime della classifica.

I PRECEDENTI

—  

Il match di andata è stato un dominio del Valencia, che ha travolto in casa il Real Madrid con un rumoroso 4-1 con tre rigori di Soler e autogol di Varane, inutile la rete di Benzema. Il club con casa al Mestalla non vince sia andata che ritorno contro i Blancos addirittura dalla stagione 1967/68: per gli uomini di Garcia Carlos si tratta in qualche modo di un appuntamento con la storia. Anche perché il Real Madrid non perde in casa contro il Valencia dal 2-3 del marzo 2008: da quel momento sette vittorie per i Blancos e cinque pareggi. Ma Valdebebas non è il Santiago Bernabeu…

I NUMERI

—  

Un dato interessante nel presentare questa sfida è quello relativo all’efficacia delle due squadre nel secondo tempo: il Real è la seconda squadra della Liga per punti conquistati dopo l’intervallo (15 dietro al Siviglia, a 16), mentre il Valencia è quella che ne ha persi di più (ben 12, come Huesca e Osasuna). Gli uomini di Zidane sono la formazione con più gol segnati di testa in questo campionato, ben 10 su 39: percentuale altissima, 26%. Attenzione a Karim Benzema, che oltre a essere un attaccante sempre prolifico ha un rendimento molto regolare contro il Valencia: almeno un gol in tutte le ultime quattro sfide, per un totale di cinque centri.

Precedente Benevento, Inzaghi: "Qui grazie all'esperienza di Bologna. Su Gaich..." Successivo Demiral, la Juve ha resistito alle tentazioni. Ora è a posto per dieci anni

Lascia un commento