“Il Napoli ha 14 titolari”, parola di Luigi Pavarese

NAPOLI – Sale l’attesa per Sampdoria-Napoli. La sfida del Ferraris potrebbe riportare di nuovo il Napoli da solo in testa al campionato, e l’ambiente partenopeo è in fibrillazione: “Il Napoli è chiamato a confermare quanto di buono fatto fino a oggi – afferma a Radio Marte Luigi Pavarese, dirigente sportivo di lungo corso – fermo restando che il Napoli anche quando ha preso gli schiaffi ha ricevuto grande considerazione dagli avversari e ne ha dimostrata chiunque ha affrontato finora. In realtà ho più paura di Napoli-Cagliari che di Sampdoria-Napoli: arriverà un Cagliari con il dente avvelenato e soprattutto Mazzarri, che vuole sempre dimostrare qualcosa. Poi c’è un giocatore come Farias che ci ha sempre creato problemi“.

“Spalletti vive la quotidianità, deve gestire bene gli uomini”

Impegni così ravvicinati mettono a dura prova qualsiasi squadra, dunque le rose allargate fanno comodo agli allenatori. Spalletti, al momento, non rientra tra coloro che possono permettersi questo lusso. Demme, Lobotka e Mertens non sono partiti per Genova, dunque le scelte diminuiscono: “Meglio Politano o Lozano? Meglio Spalletti – conclude Pavarese – che vive la quotidianità. Ma è bello avere questi problemi. Il calcio è cambiato con le cinque sostituzioni, chi è subentrato è sempre entrato in campo con determinazione e voglia di essere determinante. Al momento Spalletti ha in mano almeno 14 titolari: deve gestirli con sapienza e intelligenza, tenendo tutti sulle spine. L’obiettivo della dirigenza è far sì che un allenatore non dorma per il turno precedente, assillato dalla possibilità di capire chi deve giocare“.

Precedente Napoli, Santacroce promuove Spalletti: "Il lavoro sta pagando" Successivo Dossena: "Samp peggior avversario per il Napoli in questo momento. Anguissa fenomeno"

Lascia un commento