Francia, sorpasso e polemiche. L’Arles vince 22-1! Il Martigues: “Scandalo”

Grandi polemiche nella settima serie transalpina dopo i clamorosi risultati dell’ultimo weekend. Gli sconfitti si difendono: “E menomale che non ne abbiamo presi 30…”

Stessi punti e parità negli scontri diretti, a due giornate dalla fine. Nel girone C della Regional 2, settima divisione del calcio francese, la promozione alla Regional 1 si gioca tutta sulla differenza reti tra l’AC Arles e l’FC Martigues, che vedeva questi ultimi in sostanziale vantaggio prima dello scorso weekend. Infatti, mentre il Martigues trionfava 6-0 contro il Gardanne-Biver, l’Arles ha inflitto un incredibile 22-1 all’FC Septemes. Un risultato ai limiti dell’inverosimile, che ha scatenato tantissime polemiche e l’apertura di un’inchiesta disciplinare. Anche perché all’andata l’attuale capolista aveva perso 4-1. Com’è possibile, viene da chiedersi.

Sospetti

—  

Al netto dei sospetti quasi naturali su un accordo tra i due club, c’è da dire che il Septemes si sta letteralmente smontando. Un solo giocatore rispetto al girone d’andata è tuttora tesserato, in una partita non si sono nemmeno presentati e un’altra l’hanno disputata in dieci contati. Ad Arles sono scesi in campo un allenatore delle giovanili di 50 anni e un insegnante di 47, senza un portiere di ruolo. Al punto che i guanti per chi si è piazzato tra i pali sono stati prestati dagli avversari. “Se si guarda in che condizioni abbiamo onorato l’impegno, sono contento di non aver preso trenta gol. Se non ci fossimo presentati, l’Arles ci avrebbe accusato di favorire il Martigues, io non sapevo nemmeno che il titolo si può decidere per la differenza reti. Con loro peraltro abbiamo perso 7-0 e nessuno ha detto nulla, fare certe illazioni deturpa l’immagine del club e il rapporto con i tifosi e gli sponsor” ha spiegato ad Actu Foot il presidente del Septemes, Salah Nasri. Ma Alain Nersessian, presidente del Martigues, non ci sta. “È uno scandalo vero e proprio. Bisogna porsi delle domande e dubitare della regolarità del risultato, con un punteggio inimmaginabile. Aspettiamo di conoscere gli sviluppi e vedere le reazioni della Lega a questa parodia di calcio. Non ci fermeremo qui, l’etica sportiva non è stata rispettata” riporta La Provence. Intanto l’Arles si gode il primato in vetta, sperando di festeggiare la promozione la prossima settimana.

Precedente LIVE Alle 20.45 Fiorentina-Roma: Italiano sceglie Cabral, Zaniolo parte in panchina Successivo Bagni, rimpianto Napoli: "Poteva vincere sempre, e Osimhen merita una grande"

Lascia un commento