Fiorentina, sprint sulla destra, ecco Dodò. Assist garantiti, ma come difende?

Il club Viola ha perfezionato l’ingaggio del laterale brasiliano, ex Shakhtar Donetsk. Pochi dubbi sulla sua titolarità, ma analizziamo i pro e i contro…

La Fiorentina ha un nuovo laterale destro. La formazione viola ha perfezionato l’ingaggio di Dodò, difensore proveniente dallo Shakhtar Donetsk.

IL PROFILO

—  

Baricentro basso (alto appena 166 cm), Dodò è dotato di grande spinta e discreta tecnica. Un calciatore molto utile nel 4-3-3 di Italiano dove creerà sovrapposizioni utilissime per gli esterni. Pochi dubbi sulla sua titolarità, Venuti e Benassi gli potranno dare il cambio in caso di impegni ravvicinati o turni di stop dovuti a infortuni e/o squalifiche. Nel “listone Gazzetta” del prossimo Fantacampionato, vale 29 crediti, il più costoso tra i difensori della Viola.

I NUMERI

—  

Classe 1998, arriva dallo Shakhtar Donetsk, squadra ucraina con cui è sceso in campo, tra campionato e Coppe Europee ben 97 volte con 5 reti e 17 assist. La sua carriera è iniziata al Coritiba esordendo minorenne con la formazione brasiliana (47 presenze, 0 reti e 3 assist). In Ucraina arriva nel 2017, ma dopo una manciata di presenze viene spedito in prestito in Portogallo, al Vitoria Guimaraes, dove rompe il ghiaccio con il calcio europeo.

PERCHÉ PRENDERLO

—  

Ha dimostrato di avere un buon feeling con l’assist. Una caratteristica che non può che far piacere a Italiano a cui chiederà di servire con qualità le punte Jovic e Cabral.

PERCHÉ NON PRENDERLO

—  

Da vedere la tenuta in fase di ambientamento in Italia e ripiegamento, sempre complicato per calciatori dal baricentro basso.

Precedente Champions: sorteggiato l'ultimo turno preliminare. In palio i 6 posti vacanti nei gironi Successivo Sadio Manè, l'autista firma col Bayern Monaco/ Contratto di due anni con la squadra B

Lascia un commento