Empoli, Andreazzoli: “Avevamo bisogno di certezze, vittoria che ci gratifica”

La squadra di Andreazzoli si esprime evidentemente meglio lontano dal Castellani.

L’Empoli indossa il vestito buono quando gioca fuori casa. La squadra di Andreazzoli si esprime evidentemente meglio lontano dal Castellani. Una rete per tempo  permette al tecnico toscano di ritrovare i tre punti dopo lo stop contro il Venezia. Vittoria strameritata contro un Cagliari apparso in evidente difficoltà di fronte alla brillantezza e all’efficacia messa in mostra dai toscani. Il tecnico ha analizzato la sfida ai microfoni di DAZN.

FUORI – Empoli a punteggio pieno in trasferta. E la classifica torna a sorridere. “Non sapevo che con questa fossero 50 panchine in serie A, ma la notizia è che siamo stati produttivi e realizzativi su un campo come questo dove non è mai facile. Ho visto idee chiare, i ragazzi hanno messo in campo ciò che volevamo fare. Questa è una bella soddisfazione oltre i tre punti che sono importantissimi”.

REAZIONE – Una reazione importante dopo il ko interno con il Venezia. La difesa è stata molto attenta, Viti in primis. “Credo che sia l’aspetto che maggiormente mi gratifica. Avevamo bisogno di certezze nella fase difensiva. Siamo abbastanza abituati ad avere il possesso palla, ma avevamo bisogno di conferme. E riuscirci in casa di una squadra così piena di attaccanti è soddisfacente e dà l’idea di poter crescere e migliorare in fretta”.

SALVEZZA – L’Empoli, sinora, ha vinto o perso: servirebbe maggiore continuità se non altro per acquisire ancora un po’ di autostima: “Abbiamo avuto qualche difficoltà a centrocampo, pensavo di dover sostituire Henderson che invece ha dato qualità e lucidità alla squadra”. Ha tentato anche un gol da raccontare ai nipotini. “Ho visto anche io Cragno un po’ troppo spesso fuori dai pali e piuttosto alto ma non credevo ci provasse. Il suo gol da centrocampo sarebbe stato un bel premio”.

Precedente Venezia, Zanetti: "Non ho molto da recriminare, gettato cuore oltre l’ostacolo" Successivo Theo, quando la svolta arriva dalla panca. “La Champions? No, qui si lotta per lo scudetto”

Lascia un commento