Coppe o trofei? Macché, ecco il vero tesoro di Zico: protetto da 40 anni

Gloria del Flamengo, l’ex calciatore brasiliano fa tesoro di una Toyota Celica 2.0 GT regalatagli dopo l’Intercontinentale vinta contro il Liverpool nel dicembre 1981

Zico è uno dei più grandi del calcio mondiale. Quasi 40 anni fa, dopo la finale della Coppa Intercontinentale 1981, l’ex calciatore veniva premiato come il migliore in campo nel match tra Flamengo e Liverpool, che fu un trionfo per il Mengão con un sonoro 3-0. La partita si giocò a Tokyo e gli sponsor gli fecero un regalo, molto prezioso per l’epoca.

La casa automobilistica Toyota, più precisamente, gli regalò una Celica 2.0 GT da 145 CV del 1982, premiandolo per la sua notevole prestazione contro gli inglesi. E con sorpresa di molti, il 68enne conserva ancora oggi la vettura come un gioiellino prezioso, anche se solo nel 1985 iniziò a guidarla, visto che non era in patria in quel periodo. Come dimenticare gli anni in Italia con l’Udinese, prima di tornare al Fla.

“Quando sono tornato dall’Italia mi sono divertito molto. Prima era Edu (suo fratello, ndr) che girava per Rio, si è divertito molto. E se lo meritava perché mi ha insegnato molto nella vita. Ma poi mi sono divertito molto. Ed è fantastico, perché vedi l’auto e non sai che anno è. Assomiglia molto all’auto del film ‘Ritorno al futuro’”, ha detto Zico in un’intervista a UOL Esporte.

Tuttavia, la leggenda brasiliana ha spiegato che usa la Celica solo in occasioni speciali, perché preferisce farne tesoro: “È meglio tenere l’auto come trofeo. Alcune persone mi chiedono di portarla alle esibizioni di Rio de Janeiro. Il mio autista alcune volte fa un paio di giri intorno al condominio. Ma è difficile camminarci, soprattutto perché non ha timoneria idraulica, è molto pesante, sembra che stai facendo i muscoli. Non ci sono andato in giro per un lungo tempo”.

Il passare del tempo rende impossibili alcuni tour, anche se Zico è chiaro nell’affermare che non venderà l’auto. A circa 40 anni dalla vittoria dell’Intercontinentale 1981 con il Flamengo – saranno quaranta esatti il 13 dicembre – O Galinho la conserva ancora come uno dei suoi tesori più preziosi. Intanto i fan del Rubro-Negro, ovviamente, impazziscono per avere le sue repliche, anche in miniatura.

Precedente Verona, tutti negativi al Covid. L’unico caso resta quello di Tudor. Ripresi gli allenamenti Successivo Lotito: "Immobile? Qui stava bene. Ecco perché ho scelto Sarri"

Lascia un commento