Champions: Dinamo Kiev-Fenerbahce al secondo turno, turchi a secco nei precedenti

Quattro sfide tra le due squadre: il bilancio è di due successi degli ucraini e altrettanti pareggi. L’ultimo incrocio nel 2008

Inizia al secondo turno di qualificazione di Champions League il percorso europeo di Dinamo Kiev e Fenerbahce, due club che siamo abituati a vedere competere ad alti livelli nelle competizioni internazionali. Si pensi alla formazione ucraina, che nelle ultime due stagioni ha preso parte alla fase a gironi e che nel 2015/16 ha raggiunto gli ottavi di finale, con la sconfitta contro il Manchester City. Mentre la squadra turca non gioca la fase a gironi dalla stagione 2008/09, con il traguardo dei quarti di finale (sconfitta contro il Chelsea) raggiunto l’anno precedente. Ma il Fener ha giocato l’Europa League l’anno scorso prima di “retrocedere” in Conference, con la sconfitta contro lo Slavia Praga.

LA FAVORITA

—  

Le due squadre si affronteranno nella gara d’andata mercoledì alle 20 a Lodz, in Polonia. Per entrambe si tratta della prima partita ufficiale in stagione: la Dinamo Kiev viene dalla sconfitta per 2-1 in amichevole contro l’Anversa, mentre il Fenerbahce ha vinto 2-0 contro l’Hull City il 10 luglio grazie alle reti nel finale di Arda Guler e Serdar Dursun. Secondo i bookmaker, la favorita nel match d’andata è la formazione turca, anche se le due squadre non sono distanti: il pareggio risulta essere il risultato meno probabile secondo gli operatori.

I PRECEDENTI

—  

Il Fenerbahce risulta essere favorito per la gara d’andata sebbene nella sua storia non sia mai riuscito a battere la Dinamo Kiev. Il bilancio nei precedenti è infatti di due vittorie per gli ucraini e altrettanti pareggi, con tutte le sfide che si sono svolte in Champions League: nel 2006/07 le due formazioni si sono affrontate al terzo turno di qualificazione, con il 3-1 per la Dinamo all’andata e il 2-2 al ritorno; nel 2008/09 si sono trovate nel girone G insieme a Porto e Arsenal, qualificatesi agli ottavi di finale: la Dinamo chiuse al terzo posto con otto punti e il Fener all’ultimo con due. Negli scontri diretti di quella edizione, in Turchia finì 0-0 mentre in Ucraina vinse la Dinamo 1-0 grazie al gol di Roman Eremenko nel primo tempo.

Precedente Europei femminili, Italia-Belgio: dove vederla in diretta tv e streaming Successivo Sempre più Inter...nazionale anche tra le donne: arriva la giapponese Mihashi

Lascia un commento