Calhanoglu, l’Inter punge il Milan via Twitter: “Sì, l’abbiamo preso a zero…”

Dopo le parole del centrocampista turco dopo la vittoria della Supercoppa, la polemica infiamma i social

L’Inter è al fianco di Hakan Calhanoglu che, dopo aver vinto la Supercoppa Italiana, si è tolto qualche sassolino dalle scarpe e ha riservato parole pungenti agli ex compagni e agli ex tifosi rei di festeggiamenti troppo “accesi” nei suoi confronti nei giorni dello scudetto. Il club di viale della Liberazione non è entrato direttamente nella polemica che sui social è stata scatenata dalle parole del turco (“Questa vittoria è molto importante, per me ancora di più. Abbiamo dimostrato di essere superiori: 3-0 e tutti a casa. Non si può dire tanto… Le celebrazioni del Milan post scudetto 2021-22 mi hanno dato fastidio e avevo una grande voglia di rivincita. In quei momenti ho preferito stare zitto. Era pesante per me vedere certe cose che non mi aspettavo. Il karma torna…”), ma lo ha supportato con un tweet eloquente sul suo account ufficiale in lingua inglese.

FOTO E PAROLE

—  

Insieme alla foto del numero 20 che a Riad salta Theo Hernandez, il tweet è eloquente: “Sì, abbiamo davvero preso Hakan Calhanoglu a parametro zero”. Da chi? Naturalmente dal Milan che non era riuscito a rinnovargli il contratto. Marotta e Ausilio avevano la necessità di rimpiazzare Eriksen, colpito da un arresto cardiaco all’Europeo 2021, e anticiparono l’eventuale ultimo rilancio di Maldini e Massara, facendo firmare ad Hakan un triennale da 5 milioni netti a stagione. In quattro ore la foto ha avuto oltre 250.000 visualizzazioni, ma anche alcune centinaia di commenti, molti di tifosi interisti ancora in estasi, altri di supporters rossoneri che non gradivano lo sfottò e si domandavano perché un simile tweet non fosse stato pubblicato lo scorso maggio.

5 FEBBRAIO

—  

Resta il fatto che il clima attorno a Calhanoglu e al Milan è tornato a essere molto caldo e che il prossimo 5 febbraio, quando è in programma il derby di ritorno in campionato, l’atmosfera non sarà certo distesa. Particolare non secondario, il 5 febbraio è l’anniversario della stracittadina della passata stagione nella quale i nerazzurri, a lungo avanti grazie al gol di Perisic, furono “ribaltati” dalla doppietta di Giroud. Con quei tre punti il Diavolo lanciò la sua volata scudetto, beffando proprio i cugini. Durante la festa tricolore arrivarono gli sfottò dei tifosi e di Ibrahimovic a Calha. Ieri il turco ha risposto a suo modo e l’Inter, con garbo, lo ha appoggiato. Tra poco più di 2 settimane, il 5 febbraio, la temperatura a San Siro salirà parecchio.

Precedente Il dramma di Issaka, portiere della squadra dei rifugiati, morto di freddo a Milano Successivo Osimhen, un calcio alla scaramanzia: "Sì, vogliamo lo scudetto, ne parliamo già..."

Lascia un commento