Arrivabene, sei mesi da duro. Giovani e rigore per la nuova Juventus

Amministratore delegato dal 30 giugno, è atteso da un 2022 decisivo per il rinnovamento del club bianconero. Bilancio e relazioni con l’Uefa i prossimi test

La cura per la carenza di ferro comincia a notarsi. Maurizio Arrivabene sei mesi fa cominciava la sua vita da amministratore delegato della Juventus, dopo anni nel cda: il 30 giugno il comunicato con l’annuncio, il primo luglio la conferenza stampa di presentazione.

Precedente Il mercato dei vice: da Roma a Firenze, quante cercano il bomber di scorta Successivo Il contratto di Lukaku, quei mancati controlli e i perché del no interista

Lascia un commento