Allegri: “Troppo frenetici ma la sistemiamo, c’è tutto il tempo. CR7? Non pensiamoci più”

L’allenatore bianconero dopo la sconfitta con l’Empoli: “Bisognava avere più tranquillità, per gioventù abbiamo provato a risolverla individualmente. Ma sono fiducioso: è un gruppo con valori importanti tecnici e morali, verranno fuori sicuramente”

Dopo la prima sconfitta della sua seconda gestione juventina, Massimiliano Allegri si mette il camice dello psicologo: “Bisognava avere più tranquillità, più pazienza, non giocare individualmente ma di squadra – dice dopo la sconfitta con l’Empoli ai microfoni di Dazn -. Non è facile, abbiamo fatto un punto in due partite, ma abbiamo tutto il tempo di recuperare: bisogna lavorare di più sulla compattezza e questi due passi falsi faranno sicuramente bene. Sono fiducioso, sempre: è un gruppo con valori importanti tecnici e morali, verranno fuori sicuramente”.

Orfani di Cristiano

—  

Era la prima partita senza Ronaldo e Allegri gira pagina con decisione: “Cristiano ha fatto dei gol, quello che è molto bravo a fare, è un giocatore straordinario, ma da questo momento non dobbiamo pensare a Cristiano Ronaldo: ho un gruppo ottimo e c’è molto da fare. Compattarsi in questo momento ci servirà nei momenti difficili futuri”. E sulla minore qualità dell’organico Max risponde: “Non è assolutamente giusto, è una Juve con giovani di valore. Un giovane non può avere l’esperienza e la capacità di gestire certi momenti delle partite, piano piano dobbiamo trovare un equilibrio. Lo abbiamo fatto con troppa generosità. Siamo insieme da un mese, tanti sono arrivati dopo, e si cresce per passaggi, non si va da zero a dieci in un colpo. L’episodio va portato dalla nostra parte, e avere più pazienza anche quando difendiamo, altrimenti la fretta di recuperare la palla regala spazi agli altri”.

L’ordine dei veterani

—  

L’analisi della partita passa dal tema della testa: “Non è un problema di personalità. All’inizio i ragazzi hanno fatto bene, noi non abbiamo trovato il gol poi nella prima uscita abbiamo subito preso gol e ci siamo disuniti, ci siamo messi in mano all’Empoli che è bravo tecnicamente e negli spazi va a nozze”. Sui singoli: “Locatelli non era in condizione, la sta migliorando, dopo la sosta starà meglio. Ma Danilo davanti alla difesa ha fatto una buona partita e lui ha mantenuto calma e tranquillità fino alla fine senza perdere ordine, e come lui Bonucci, Cuadrado: serve il giusto equilibrio tra la voglia di fare dei giovani e non cercare di risolvere le partite singolarmente”.

In qualche modo

—  

Valutazioni che però ancora non prescindono dalla questione mentale: “Abbiamo sbagliato molto tecnicamente perché siamo andati in frenesia, singolarmente abbiamo sbagliato cose che non sbagliamo normalmente: non possiamo pensare di andare tutte le partite in vantaggio e poi vincerle tranquillamente, anche in svantaggio ci vuole la serenità della grande squadra di poterla ribaltare senza perdere ordine”. Ora due settimane per lavorarci su: “Dopo Udine abbiamo aggiunto un pezzo: dopo la ripresa avremo un bel mese tra Champions e scontri diretti importanti. Ci prepareremo con serenità, i momenti difficili vanno affrontati e ti aiutano a crescere. In qualche modo la sistemiamo”. Detto da lui non sembra solo un modo di dire.

Precedente La Roma in partenza per Salerno: selfie per Mourinho e Abraham VIDEO Successivo Il Real Madrid torna a vincere: Carvajal stende il Betis

Lascia un commento