Vela, Barcolana 2021: vince Fabio Benussi in mezzo alla bora. Raffiche anche a 40 nodi

Il popolo della vela si è ritrovato domenica nel Golfo di Trieste alla Barcolana n.53, la più grande regata del mondo. Nel  2018 ha centrato il record di 2.689 imbarcazioni iscritte. Un evento unico nel panorama velico internazionale: su una singola linea di partenza infatti si trovano a gareggiare fianco a fianco velisti professionisti e semplici appassionati su imbarcazioni di varie dimensioni che vengono suddivise in categorie a seconda della lunghezza fuori tutto.

Qui sono venuti anche leggendari velisti come Paul Cayard, Ben Aslie, Russel Coutts, James Spithill; ma anche mitici velisti italiani come Cino Ricci, Mauro Pelaschier, Luca Devoti, Giorgio Gorla, Massimiliano Sirena, Francesco De Angelis, Vasco Vascotto. Una parata di campioni degna di una Coppa America.

Vela Barcolana tra pandemia e bora

Purtroppo stavolta pandemia e bora (il vento freddo di Trieste, raffiche impietose spesso oltre i 100 km/h) hanno creato disagi. Numerosi gli interventi di soccorso e assistenza: una imbarcazione slovena è scuffiata (6 a bordo), un albero si è spezzato nel bel mezzo della regata, sette uomini sono finiti in mare. C’è stato anche un ferito (trauma cranico) finito in ospedale. Opportunamente il percorso di regata è stato accorciato alla terza boa. Addirittura dei 1.650 iscritti ben 300, appartenenti a 4 delle 15 categorie previste, sono stati subito esclusi.

La cronaca della gara

Per la cronaca ha vinto  in 45 minuti l’Aca  Sgr del veterano Fabio Benussi, skipper triestino di lungo corso,  che ha saputo reggere anche a raffiche di 40 nodi. E ha vinto in volata.  Il suo 33 metri “Fast & Furio“, iconica vela ben nota ai piccoli del Gaslini di Genova ( in occasione dell’evento ligure  all’insegna della sostenibilità sono saliti a bordo) , ha avuto la meglio su “Portopiccolo Way of Life“ di Gasper Vincec, vincitore della Barcolana 2019.

L’equipaggio sloveno le ha tentato tutte, in primis  ridurre la tela della randa. Niente da fare. E così Benussi è andato a cogliere la sua quinta vittoria (con 4 imbarcazioni diverse). Terzo posto per “Maxi Jena“, che due giorni  prima – attraccata al molo – aveva cappottato. Claudia Rossi , neo campionessa del mondo i vela d’altura in coppia mista, è arrivata quinta aggiudicandosi  il trofeo Woman in Sailing messo in palio da Generali per sostenere la parità di genere anche nella vela.

Precedente Luca Percassi: "Firmerei subito per un'Atalanta tra le prime 7 a fine campionato" Successivo Venezia-Romero: affare quasi fatto

Lascia un commento