US Open, Djokovic per fare la storia: con Medvedev l’ha già spuntata agli Australian

Il serbo è a una vittoria dal Grande Slam e in finale ritroverà il russo, già battuto in coda al primo Major della stagione

L’impresa Grande Slam per Novak Djokovic è lì, a un passo. Il serbo è a una partita da un traguardo storico: vincere tutti i quattro i Major della stagione (Australian Open, Roland Garros, Wimbledon e US Open). Il numero uno al mondo se la vedrà con Daniil Medvedev in finale a Flushing Meadows, nel remake della sfida degli Australian Open a inizio stagione: c’è solo il russo tra The Djoker e la storia. Sull’Arthur Ashe si affronteranno i primi due giocatori nel ranking ATP: appuntamento fissato per domenica 12 settembre dalle 22, ora italiana.

DJOKOVIC

—  

Djokovic è, ovviamente, super motivato. Queste le dichiarazioni di Novak dopo la vittoria in semifinale contro Zverev, in cinque set: “Giocherò questo match come se fosse l’ultimo. Ora devo raccogliere tutte le energie di cui ho bisogno per il prossimo incontro, che è è probabilmente il più importante della mia carriera. L’eccitazione c’è. La motivazione c’è, senza dubbio. Probabilmente più che mai. Ma c’è ancora una partita da vincere”. Prima della battaglia vinta contro Zverev, il serbo aveva avuto la meglio su Rune, Griekspoor, Nishikori, Brooksby e Berrettini, vincendo solamente una volta in tre set (contro Griekspoor).

I PRECEDENTI

—  

Percorso quasi netto, invece, per Medvedev: il russo ha perso solamente un set nel torneo, ai quarti contro Van de Zandschulp. Per il resto, il numero 2 al mondo ha vinto senza discussione contro Gasquet, Koepfer, Andujar, Evans e, in semifinale, Auger-Aliassime. Medvedev va a caccia del primo slam in carriera, dopo aver perso due finali: agli US Open 2019 con Nadal e gli Australian Open 2021 proprio contro Djokovic. Quella resta l’ultima partita tra i due: il bilancio complessivo è di cinque successi del serbo e tre del russo, arrivati tutti nelle ultime cinque sfide. I favori del pronostico sono dalla parte del numero 1 al mondo, ma Medvedev sarà un avversario ostico da battere. Lo stesso Djokovic ne è molto consapevole.

Precedente Una magia di Okereke illumina il Venezia contro l'Empoli: 2-1 con rete in apertura di Henry Successivo La magia di Boskov, Inter stesa da Vialli e Mancini: Samp in Paradiso

Lascia un commento