Un gol non fa felice Gosens: Robin in panchina e senza Mondiale, il mercato chiama

Mercoledì l’esterno tedesco ha trovato la prima rete in Serie A con la maglia nerazzurra, ma a gennaio la voglia di campo potrebbe riportarlo in Germania: in Bundesliga il 28enne ha diversi estimatori, il club ci pensa

Segnare fa bene, impone sorrisi anche ai musi più lunghi e aumenta l’autostima. Non è uno spot pubblicitario poco convincente, ma l’effetto della grandinata di gol dell’Inter, che contro il Bologna ha ritrovato entusiasmo e voglia di divertirsi in campo. Il sesto gol, l’ultimo, lo ha firmato Robin Gosens a partita abbondantemente chiusa: un pallone vagante in arrivo dalla destra dopo un paio di interventi bucati. Lui, dal secondo palo, è piombato sulla palla per il tap-in del 6-1. Sorrisi, abbracci, i tifosi che cantano il suo nome.

Precedente Inter: verso l'Atalanta con un dubbio in difesa Successivo Kalulu, sempre più pilastro del Milan: arriva il rinnovo fino al 2027

Lascia un commento